Lunedì, 14 Ottobre 2019 13:07

Le Novità Normative della Settimana dal 7 al 13 ottobre 2019

INPS

 

Accertamento diritto alla maggiorazione per minorenni inabili

Con il messaggio n. 3604  de 4 ottobre 2019, l'INPS si sofferma sull’accertamento del diritto a percepire la maggiorazione dell’importo dell’Assegno per il Nucleo Familiare in caso di presenza di minorenni inabili all’interno del nucleo.

Ai fini del riconoscimento della maggiorazione possono essere presi in considerazione anche i soggetti fruitori dell’indennità di frequenza. Tuttavia, è necessario il parere dei medici legali dell’INPS.

Se il minore è stato già valutato e storicizzato presso l’Istituto, inoltre, non è più necessario subordinare la domanda di ANF all’autorizzazione. In questo caso viene quindi meno la necessità di presentazione della domanda di autorizzazione ANF. - Link

 

Indennità di disoccupazione DIS-COLL. Modifica del requisito contributivo - Link

L’INPS, con il messaggio n. 3606 del 4 ottobre 2019,ricorda la novità introdotta dall’art. 2 del DL 101/2019 per quanto riguarda requisito contributivo necessario per l’accesso all’indennità di disoccupazione DIS-COLL.

A partire dal 5 settembre 2019, data di entrata in vigore del decreto-legge, la DIS-COLL viene,  riconosciuta ai lavoratori che presentino congiuntamente i seguenti requisiti:

  • siano, al momento della domanda di prestazione, in stato di disoccupazione ai sensi dell’art. 19, c. 1, del D.Lgs. 150/2015;
  • possano far valere almeno un mese di contribuzione nel periodo che va dal 1° gennaio dell’anno civile precedente l’evento di cessazione dal lavoro al predetto evento (accredito contributivo di una mensilità)

 

Sgravio contributivo – ricalcolo tetto retributivo

L’INPS, con il messaggio n. 3634 dell'8 ottobre 2019, rende noto il ricalcolo del tetto retributivo relativo allo sgravio contributivo dei premi corrisposti nel 2013, previsti dai contratti collettivi di secondo livello. - Link

 

Aliquota contributiva ex CUAF per i lavoratori iscritti al Fondo speciale ex Ipost

L’INPS, con il messaggio n. 3635 dell'ottobre 2019, comunica che, per i lavoratori iscritti al Fondo ex IPOST, il contributo di finanziamento dell’assicurazione relativa agli assegni per il nucleo familiare si attesta nella misura del 4,40%. - Link

 

Eventi sismici verificatisi nei territori delle Regioni Lazio, Marche, Umbria, Abruzzo in data 24 agosto 2016, 26 e 30 ottobre 2016 e 18 gennaio 2017. Modalità di versamento dei contributi sospesi.

L’INPS, con il messaggio n. 3646 dell'8 ottobre 2019, pubblicale modalità di versamento dei contributi sospesi, senza applicazione di sanzioni e interessi, anche mediante rateizzazione fino ad un massimo di 120 rate mensili di pari importo, a causa degli eventi sismici verificatisi nei territori delle Regioni Lazio, Marche, Umbria, Abruzzo in data 24 agosto 2016, 26 e 30 ottobre 2016 e 18 gennaio 2017. - Link

 

 

AGENZIA DELLE ENTRATE

 

Spese sostenute dai genitori adottivi per l'espletamento della procedura di adozione

L'Agenzia delle entrate, con la risoluzione n. 85 del 5 ottobre 2019, ha precisato che in linea generale, le spese relative agli incontri post adottivi, per la verifica del corretto inserimento del minore straniero nel nuovo contesto familiare e sociale, non sono deducibili. Il discorso cambia, però, se nella procedura di adozione internazionale i genitori “prescelti” hanno sottoscritto l’impegno a trasmettere report periodici sullo stato d’integrazione del bambino, in quanto le verifiche “post adottive” costituiscono adempimenti strettamente correlati alla procedura di adozione internazionale, per cui le spese sono ammesse alla deduzione al pari di ogni altra spesa documentata tesa alla medesima finalità. - Link

 

AGENZIA DELLE ENTRATE – INTERPELLO

 

Risposta n. 390 del 07 ottobre 2019 - Costi sostenuti per la delocalizzazione immediata e temporanea delle attività economiche danneggiate dagli eventi sismici

I costi sostenuti dall’azienda per far ripartire la propria attività (per esempio canone di locazione, impianti idraulici/elettrici, ripristino e acquisto nuova attrezzatura), delocalizzata a causa del sisma verificatosi nel centro Italia nel 2016, sono deducibili dal reddito d’impresa. - Link

 

Risposta n. 391 del 07 ottobre 2019 - Estromissione agevolata beni strumentali e regime forfetario.

Non ha rilevanza fiscale l’estromissione dell’immobile dal patrimonio dell’impresa effettuata da un contribuente che, nel periodo dell’operazione, il 2019, ha aderito al regime forfetario. Questo anche se il bene è stato acquistato negli anni che hanno preceduto l'adozione del regime. - Link

 

Risposta n. 394 del 07 ottobre 2019 - Trasmissione telematica dei corrispettivi

Gli importi dei tickets restaurant accettati dal titolare di un bar-pasticceria sono compresi nelle somme dei corrispettivi trasmessi in via telematica alle Entrate, anche se devono essere poi fatturati alla società emittente, così come l’esercente non è tenuto a emettere il “documento commerciale” all’atto della cessione dei titoli di trasporto in quanto il suo corrispettivo del rivenditore è costituito dall’aggio, da documentare con separata fattura nei confronti del gestore del servizio. - Link

 

Risposta n. 395 del 07 ottobre 2019 -erronea duplicazione fattura

In caso di trasmissione, via Sdi, di vecchie fatture cartacee non intercettabili e, quindi, non scartabili dal sistema, perché emesse nel 2017 e 2018, quando ancora non era obbligatoria la fatturazione elettronica, per neutralizzare l'errato invio dei duplicati, il contribuente può emettere in formato elettronico le rispettive note di variazione, riportando nel campo “causale” le parole “storno totale della fattura per errato invio tramite Sdi”. - Link

 

Risposta n. 398 del 08 ottobre 2019 - certificazione ai fini iva del servizio di bike sharing

Non sono esenti dall’obbligo di emissione dello scontrino o ricevuta fiscale, oppure fattura se richiesta, gli esercenti al minuto che forniscono il servizio a “privati” di bike sharing mediante una App. La prestazione, infatti, non rientra tra i servizi elettronici per i quali è previsto l’esonero da qualunque obbligo di certificazione. - Link

 

Risposta n. 399 del 08 ottobre 2019 - Cause ostative all'applicazione del regime Forfetario.

Può applicare il regime forfetario per il periodo d’imposta 2019, il perito industriale che ha collaborato con una società emettendo parcelle nel 2018 pari al 22% dei propri compensi totali, nel 2019 pari al 50% e che dal 1° luglio 2019 è stato assunto dalla stessa società con contratto di lavoro subordinato. - Link

 

Risposta n. 400 del 09 ottobre 2019-contribuente fofettario - Credito previdenziale utilizzato in compensazione dal contribuente

Nel caso di versamento e deduzione dal reddito d’impresa di una quota di contributi INPS superiore al dovuto, con l’utilizzo del relativo credito in compensazione, sarà necessario recuperare a tassazione il contributo previdenziale indicandone l’importo nel quadro LM, rigo LM35 della dichiarazione dei redditi. - Link

 

Risposta n. 401 del 09 ottobre 2019-Cause ostative all'applicazione del regime c.d. forfetario

E' applicabile il regime forfetario  nei confronti di un soggetto che svolga la propria attività sia come libero professionista sia come dipendente di una cooperativa, anche laddove, per cause esterne alla propria volontà, si trovi nelle condizioni di dover emettere fattura nei confronti del proprio datore di lavoro per l’esecuzione di una prestazione inerente la professione. - Link

 

Risposta n. 403 del 09 ottobre 2019 – conservazione note spese

E’ opzionale la conservazione digitale delle note spese e degli altri documenti di rilevanza fiscale generati su documento informatico ovvero di smaterializzarli e conservarli su supporto analogico

Qualunque documento analogico a rilevanza fiscale, come le note spese e i loro giustificativi, per poter essere dematerializzato e successivamente distrutto deve possedere le caratteristiche della immodificabilità, integrità, autenticità e leggibilità. - Link

 

Risposta n. 404 del 09 ottobre 2019 – Regime agevolativo cd. super ammortamento

Il titolare di uno stabilimento balneare che nel 2018 ha acquistato delle cabine in legno, senza pavimento, da poter rimuovere a fine stagione, può fruire del regime agevolativo del super ammortamento. I beni in questione, infatti, sono strumentali all’attività svolta e non devono essere considerati  fra le “costruzioni”. - Link

 

Risposta n. 407 del 10 ottobre 2019 – mancato conseguimento di proventi che hanno concorso a formare il reddito in precedenti periodi d'imposta

La società imbrogliata dal consulente finanziario, che le ha comunicato negli anni plusvalori inesistenti, avendo corretto gli errori di contabilizzazione attenendosi alle regole dell’Oic 29, può effettuare una simmetrica variazione in diminuzione dell’imponibile nella dichiarazione relativa al 2018, anno in cui è divenuta certa l'inesistenza dei proventi contabilizzati. - Link

 

Risposta n. 408 del 10 ottobre 2019 – mancato conseguimento di proventi che hanno concorso a formare il reddito in precedenti periodi d'imposta

Una società che nel 2018  ha acquistato un magazzino automatizzato per lo stoccaggio di prodotti usufruendo del cosiddetto "iperammortamento" per le sole componenti impiantistiche, può accedere al beneficio anche per la parte di costo delle scaffalature, inizialmente esclusa perché oggetto di stima castale.  Al riguardo non sarà necessario allegare una nuova perizia giurata essendo sufficiente allegare alla vecchia perizia una semplice dichiarazione del legale rappresentante che indichi il costo attribuibile alla scaffalatura asservita agli impianti automatici di movimentazione. - Link

 

Risposta n. 409 del 10 ottobre 2019 – Detrazioni per interventi di riduzione del rischio sismico (cd. sisma bonus)

Chi acquista una casa ricostruita nella zona “sismica 2” dopo la demolizione di edifici preesistenti con lo scopo ridurne il rischio in caso di terremoto, può usufruire del “sisma bonus” anche se la cubatura è aumentata rispetto ai fabbricati precedenti. La ditta che ha realizzato l’immobile, invece, può applicare la detrazione relativa alle spese sostenute soltanto se le procedure di autorizzazione alla costruzione risultano avviate a partire dal 1° gennaio 2017, rimanendo escluse quelle realizzate a seguire di procedure avviate in precedenza. - Link

 

Risposta n. 411 del 11 ottobre 2019 – Visto di conformità - Esonero

Il credito d’imposta, trasferito al socio dalla società virtuosa sul fronte Isa, per essere compensato richiede il visto di conformità, a prescindere dal fatto che la compagine, in ragione del suo alto livello di affidabilità fiscale (punteggio Isa 8,56) non sia tenuta all’apposizione dello stesso, in relazione alla propria dichiarazione dei redditi. - Link

 

Risposta n. 412 del 11 ottobre 2019 – carte carburante

Una società che senza gestire direttamente impianti di distribuzione ad alta automazione, in forza di un contratto di netting intende fornire delle carte aziendali ai dipendenti del proprio gruppo per consentire la somministrazione di carburante, ferma l'annotazione nel relativo registro Iva, non ha obbligo di memorizzare e inviare telematicamente i relativi corrispettivi. - Link

 

Risposta n. 413 del 11 ottobre 2019  –  distributori automatici

I distributori automatici forniti in comodato d’uso a palestre, che erogano i prodotti tramite “chiavette” o abbonamenti acquistati presso la reception del centro sportivo non sono propriamente vending machine perché non incassano direttamente il denaro, di conseguenza, il rivenditore fino al 1° gennaio 2020 non è tenuto alla memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi. - Link

0
0
0
s2smodern