Giovedì, 10 Ottobre 2019 12:34

DIS-COLL: modifiche del requisito contributivo

Con messaggio n. 3606 del 4 ottobre 2019, l'Inps rende operative le novità introdotte dal Decreto Legge n. 101 del 3 settembre 2019 che ha introdotto una novità in ordine al requisito contributivo necessario per l'accesso alla prestazione DIS-COLL, modificando l'articolo 15, comma 2 del D.Lgs. n.22 del 2015. Per effetto di tali novità, il requisito contributivo necessario per l’accesso alla prestazione DIS-COLL passa da tre ad un mese. Infatti - come precisato nel messaggio - è necessario che il collaboratore possa far valere il requisito minimo di contribuzione nel periodo che va dal 1° gennaio dell’anno civile precedente l’evento di cessazione del rapporto di lavoro alla data dell’evento.

Il nuovo requisito contributivo per poter richiedere l’indennità di disoccupazione per collaboratori, assegnisti e dottorandi, sarà applicabile agli eventi di perdita involontaria del lavoro verificatisi a partire dal 5 settembre 2019 - data di entrata in vigore del D.L. n. 101 del 2019. A partire da tale data, quindi, potranno fare domanda di disoccupazione i soggetti che presentino congiuntamente i seguenti requisiti:

- siano, al momento della domanda di prestazione, in stato di disoccupazione;
- possano far valere almeno un mese di contribuzione nel periodo che va dal 1° gennaio dell’anno civile precedente l’evento di cessazione dal lavoro al predetto evento (accredito contributivo di una mensilità).

L'Istituto comunica infine che l’istruttoria delle domande DIS-COLL, attivabile dall’applicazione DsWeb, è stata adeguata a quanto previsto dalle modifiche intervenute.
 

Notizie correlate: “Decreto crisi”, CNO in audizione al Senato - In vigore il “decreto crisi” - NASpI e DIS-COLL per soggetti irreperibili o senza fissa dimora

0
0
0
s2smodern