Lunedì, 23 Settembre 2019 16:25

Le Novità Normative della Settimana dal 16 al 22 settembre 2019

INPS

Compatibilità della titolarità di cariche sociali nell’ambito di società di capitali e lo svolgimento di attività di lavoro subordinato per la stessa società. Precisazioni

L’INPS, con il messaggio n. 3359 del 17 settembre 2019, si sofferma sugli orientamenti consolidati della giurisprudenza in merito alla compatibilità tra l’assunzione di cariche sociali nell’ambito di società di capitali e lo svolgimento di un ulteriore e distinto rapporto di lavoro subordinato. - Link

 

Comunicazione telematica di cessazione e “Ultimo Miglio TFS”. Passaggio al nuovo sistema

L’INPS, con il messaggio n. 3400 del 20 settembre 2019, informa del rilascio dell’applicativo volto a sostituire i modelli cartacei di comunicazione dei dati giuridici ed economici necessari alla liquidazione dei trattamenti di fine servizio (modelli “PL1” e “350/P”). - Link

 

Gestione Agricoltura. Emissione Avvisi Bonari

L’INPS, con il messaggio n. 3398 del 20 settembre 2019, comunica l’inizio delle elaborazioni per l’emissione degli Avvisi Bonari relativi alla Gestione Agricoltura. Gli Avvisi Bonari saranno a disposizione dall’interno del Cassetto Previdenziale  Previdenziale Autonomi in Agricoltura”. - Link

 

Contribuzione dovuta a titolo di contributo ordinario di mobilità Precisazioni in tema di prescrizione

Con la circolare n. 124 del 2019, l’INPS interviene in materia di contribuzione dovuta a titolo di contributo ordinario di mobilità, tenuto conto dell’orientamento espresso dalla giurisprudenza della Corte di Cassazione in tema di prescrizione. Il termine quinquennale, specifica l’Istituto, deve essere determinato, in caso di pagamento rateale, a decorrere dal termine di pagamento dell’ultima rata, in quanto le stesse non costituiscono autonome e distinte obbligazioni, ma adempimento frazionato di un’unica obbligazione. - Link

 

ISPETTORATO NAZIONALE  DEL LAVORO

Contratto a termine assistito. Precisazioni

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro,  con la nota n. 8120 del 17 settembre 2019, si sofferma sui  requisiti  necessari per la stipula del contratto a termine assistito.

In particolare, l’Ispettorato sottolinea le caratteristiche che deve avere l’ulteriore contratto a termine che le parti possono sottoscrivere, dinanzi agli Uffici territoriali dell’Ispettorato del lavoro, nel caso in cui abbiano raggiunto il massimale di durata previsto dalla legge o dal contratto collettivo.

 

AGENZIA DELLE ENTRATE  - INTERPELLO

Risposta n. 382 del 16 settembre 2019 - Cause ostative al regime c.d. forfetario

Può fruire del regime forfetario il contribuente che consegue redditi per l’attività professionale di dentista e di lavoratore dipendente nei confronti di uno medesimo datore di lavoro, perché il duplice rapporto lavorativo persisteva senza alcuna trasformazione per l’intero periodo di sorveglianza. La causa ostativa non trova applicazione se i due contratti (autonomo e dipendente) preesistevano prima della riformulazione della norma senza subire modifiche sostanziali. - Link

 

Risposta n. 384 del 17 settembre 2019 - Redditi diversi derivanti dalla cessione di titoli su cui grava un diritto di usufrutto con patto di rotatività

I redditi diversi derivanti dalla cessione di titoli detenuti all’estero, su cui grava un diritto di usufrutto con patto di rotatività, sono soggetti alla disciplina delle plusvalenze realizzate mediante la cessione a titolo oneroso delle attività finanziarie . La nuda proprietaria, nonché unica residente in Italia, inoltre, è tenuta a rispettare gli obblighi sul monitoraggio fiscale e al pagamento dell’Ivafe. - Link

 

Risposta n. 386 del 17 settembre 2019 - Obblighi di monitoraggio fiscale e di liquidazione dell’IVAFE

Il “prestito” in euro restituito in dollari deve essere indicato nel quadro RW del modello “Redditi Pf” ai fini degli obblighi sul monitoraggio fiscale. Per quanto riguarda l’Ivafe, l’imposta va applicata nell’ipotesi in cui il finanziamento rappresenti un “valore mobiliare” e, quindi, negoziabile all’interno del mercato finanziario. - Link

 

Risposta n. 387 del 20 settembre 2019 - nota di variazione – accordo transattivo

Nell’ambito di una fornitura che presentava dei vizi, la detrazione dell’Iva corrispondente alla variazione dell’imponibile pattuita a seguito di un accordo tra il fornitore e il cliente, e la relativa nota di credito a parziale storno delle fatture emesse, trova il limite temporale indicato nell’articolo 26, comma 3 del Dpr n. 633/1972, in base al quale la detrazione non può essere effettuata se è trascorso un anno dall’operazione originaria e la variazione è frutto di un successivo accordo le parti. Tale conclusione vale anche se, come nel caso in esame, le parti avevano avviato un procedimento giudiziario, in quanto la riduzione dell’importo era stata definita dalla transazione privata e non dalla sentenza. - Link

 

Risposta n. 388 dematerializzazione di documenti fiscali relativi alle “note spese” emesse con riguardo ai propri dipendenti - Link

Il processo di conservazione dei documenti per essere conforme alla normativa di riferimento deve, in primo luogo, necessariamente rispettare :

  • il codice civile, il Cad e le regole tecniche, oltre alle altre norme tributarie sulla corretta tenuta della contabilità
  • le funzioni di ricerca e di estrazione delle informazioni dagli archivi informatici in relazione almeno al cognome, al nome, alla denominazione, al codice fiscale, alla partita Iva, alla data o associazioni logiche di questi ultimi;
  • l’apposizione, a conclusione del processo di conservazione, di un riferimento temporale opponibile a terzi sul pacchetto di archiviazione.

 

ISTAT

 TFR – Coefficiente di rivalutazione

L’Istat ha comunicato l’indice relativo al mesedi agosto 2019 che è pari a103,2 %. Il coefficiente per rivalutare le quote di trattamento di fine rapporto con riferimento al mese di agosto 2019 è di 1,808031%. - Link

0
0
0
s2smodern