Martedì, 30 Luglio 2019 11:05

Le novità normative della settimana dal 22 al 28 luglio 2019

INPS

Riscatto dei periodi di studio universitario 

L’INPS, con la circolare n. 106 del 25 luglio 2019, comunica le istruzioni necessarie per l’applicazione della disciplina del nuovo istituto del riscatto di periodi non coperti da contribuzione e del diverso criterio di calcolo dell’onere di riscatto dei periodi di studio universitari da valutare nel sistema contributivo.

Inoltre, la circolare commenta la facoltà per i fondi di solidarietà di provvedere al versamento della contribuzione correlata a periodi utili per il diritto a pensione, riscattabili o ricongiungibili e precedenti all’accesso ai fondi di solidarietà. - Link

 

Fondi di solidarietà bilaterali – oneri di riscatto e ricongiuzione

L’INPS, con la circolare n. 105 del 24 luglio 2019, comunica le modalità applicative per l’applicazione della disciplina concernente la facoltà per i Fondi di solidarietà bilaterali di provvedere al versamento degli oneri correlati a periodi utili per il diritto a pensione, riscattabili o ricongiungibili e precedenti all’accesso ai fondi di solidarietà. - Link

 

Nuova modalità di presentazione della domanda di Assegno per il nucleo familiare - Link

L’INPS, con il messaggio n. 2815 del 24 luglio 2019, informa che ha implementato con nuove funzionalità l’utility “Consultazione Importi ANF” rivolta alle aziende, ai professionisti intermediari e ai rappresentanti legali.

La nuova versione dell’Utility “Consultazione Importi ANF” recepisce le seguenti implementazioni:

- per la “Ricerca puntuale”, l’estensione del periodo di ricerca da 6 mesi a 12 mesi;

- per la “Ricerca massiva”, la possibilità di selezione multipla delle matricole aziendali

 

ANPAL

Nuove regole per lo stato di disoccupato

Con la circolare n. 1 del 23 luglio 2019, l’ANPAL ha fornito le regole relative alla gestione dello stato di disoccupazione, a seguito delle novità legislative introdotte dal Decreto Legge n. 4/2019. Il provvedimento  reintroduce l’istituto della conservazione dello stato di disoccupazione. A decorrere dal 30 marzo 2019, sono in stato di disoccupazione le persone che rilasciano la DID  e che alternativamente soddisfano uno dei seguenti requisiti:

  • non svolgono attività lavorativa sia di tipo subordinato che autonomo;
  • sono lavoratori il cui reddito da lavoro dipendente o autonomo corrisponde a un’imposta lorda pari o inferiore alle detrazioni spettanti ai sensi dell’art. 13 del Dpr. n. 917/1986 (cd. Tuir).

In particolare, nel caso del lavoro dipendente la soglia di reddito di riferimento è pari a 8.145 euro annui, mentre nel caso di lavoro autonomo il limite reddituale si abbassa a 4.800 euro annui. - Link



MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Nuove modalità di richiesta del contributo della Nuova Sabatini

Il Ministero dello sviluppo economico, con la circolare  n. 296976 del 22 luglio 2019, ha illustrato le  nuove modalità operative per la richiesta di erogazione del contributo della Nuova Sabatini. Confermando che la trasmissione della documentazione debba essere effettuata secondo il piano temporale già in vigore.  Inoltre, al fine di agevolare la fase transitoria, le PMI che abbiano già richiesto una o più quote del contributo sulla base delle modalità operative previgenti alla data del 22 luglio 2019 devono compilare e trasmettere al Ministero, in via esclusivamente telematica attraverso la procedura disponibile nella piattaforma, la Richiesta di erogazione delle Quote di contributo Rimanenti. - Link

 

AGENZIA DELLE ENTRATE

Ripartizione della detrazione per figli a carico in presenza di redditi prodotti in regime forfetario

L’Agenzia delle entrate con la risoluzione n. 69 del 22 luglio 2019 ha affermato che in applicazione delle regole generali che disciplinano le detrazioni per carichi di famiglia, il coniuge del contribuente aderente al regime forfettario può fruire della detrazione per figli a carico nella misura del 100% solo nell'ipotesi in cui possieda un reddito complessivo più elevato rispetto al coniuge forfettario, il reddito determinato secondo i criteri del regime forfettario, al lordo dei contributi previdenziali, rileva anche ai fini della comparazione del reddito più elevato per stabilire quale genitore possa fruire della detrazione per l’intero importo. - Link

 

AGENZIA DELLE ENTRATE  - INTERPELLO

Risposta n. 288 del 22 luglio 2019 – Contratto di servizio energia Plus

Le somme percepite da una società per l’installazione e la manutenzione di impianti di riscaldamento e condizionamento nei condomini, tramite “Contratto servizio energia Pus”, possono beneficiare dell’Iva al 10% se l’energia è per uso domestico e proviene da fonti rinnovabili o da impianti di cogenerazione ad alto rendimento. Aliquota ridotta anche per la parte variabile riferibile alla quantità di energia, se è anch’essa di origine rinnovabile  o, in caso di somministrazione di gas metano per uso civile, se il consumo è limitato a 480mc annui.
Diversamente l’aliquota Iva sarà quella ordinaria. - Link

 

Risposta n. 293 del 22 luglio 2019 -  Detrazioni per intervento combinato per la riduzione del rischio sismico e di riqualificazione energetica di edificio

Per accedere alla detrazione per intervento combinato di riduzione del rischio sismico e riqualificazione energetica è necessario che si tratti di lavori condominiali di conservazione del patrimonio edilizio esistente, non di nuova costruzione, e che ci sia il cambio di destinazione d’uso del fabbricato in abitativo. - Link

 

Risposta n. 295 del 22 luglio 2019 – Detrazione per redditi di lavoro dipendente

Nel novero delle giornate spettanti ai fini fiscali dei propri collaboratori con contratto di collaborazione coordinata e continuativa, il sostituto d’imposta deve riferirsi solo a quelle che danno effettivamente diritto alla retribuzione assoggettata a ritenuta nel periodo di vigenza del contratto ed escludere quelle per le quali non spetta alcuna retribuzione. - Link

 

Risposta n. 296 del 22 luglio 2019 – Vendita a rate con riserva di proprietà–imputazione dei redditi fondiari.

In caso di vendita a rate con riserva di proprietà di un immobile, il titolare del reddito fondiario, finché non si realizza l'effetto traslativo con il pagamento dell'ultima rata, continuerà a essere il venditore sul quale graveranno anche gli obblighi dichiarativi. - Link

 

Risposta n. 297 del 22 luglio 2019 – Regime della cedolare secca per i contratti di locazione di immobili commerciali categoria C/1

L’erede acquisisce l’insieme dei rapporti patrimoniali del de cuius, compresi i contratti di locazione di immobili non abitativi, e potrà optare per il regime fiscale di favore se era già in essere alla data del decesso del locatore, fino quando siano soddisfatti i requisiti richiesti dalla norma. - Link

 

Risposta n. 298 del 22 luglio 2019 – Ecobonus –Cessione del credito d’imposta a soggetto privato

Un contribuente che rientra nella no-tax area, in condizioni di incapienza, proprietario di un’unità abitativa oggetto di riqualificazione energetica, può cedere il credito, corrispondente alle spese sostenute per i lavori, al proprio genitore finanziatore, quale soggetto privato. - Link

 

Risposta n. 299 del 23 luglio 2019 - Obblighi di comunicazione dei trasferimenti da e per l’estero di denaro, titoli e valori

Un intermediario finanziario che trasmette al fisco i dati relativi alle movimentazioni superiori alla soglia di 15mila euro, entro 30 giorni dalla scadenza del termine previsto, ottiene il dimezzamento della sanzione ordinaria, applicabile dal 10 al 25% dell'importo dell'operazione non segnalata. La sanzione viene ulteriormente ridotta applicando il ravvedimento operoso. - Link

 

Risposta n. 302 del 23 luglio 2019 - Spese di iscrizione corsi universitari

Il contribuente che ha chiesto un prestito allo Stato per finanziare il corso di laurea dei figli e che alla fine degli studi intende restituire l’importo non può usufruire della detrazione su tali spese, prevista dall’articolo 15, comma 1, lettera e), del Tuir. Per una corretta qualificazione della spesa in esame, infatti, rileva la circostanza che i pagamenti, sostenuti per la restituzione del prestito, vanno a favore di un ente diverso dall'università. - Link

 

Risposta n. 307 del 24 luglio 2019 – fatture elettroniche sanitarie

La trasmissione delle fatture delle operazioni effettuate da parte dei soggetti che operano in ambito sanitario nei confronti delle persone fisiche e compagnie assicurative deve avvenire in formato elettronico tramite Sdi, senza alcun riferimento al nome o cognome del paziente o ad altri elementi che consentono di associare in modo diretto la prestazione resa a una determinata persona fisica identificabile. - Link

 

Risposta n. 308 del 24 luglio 2019 – agevolazioni prima casa 

Il cittadino italiano residente in Germania può fruire del regime agevolativo ‘prima casa’ per l’acquisto del diritto di nuda proprietà dell’abitazione che intende far costruire su uno dei terreni siti nel territorio nazionale, del quale è già nudo proprietario, senza obbligo di trasferire la propria residenza. - Link

 

Risposta n. 310 del 24 luglio 2019 - Tassazione atto di donazione formato all’estero

Se il donante è residente all’estero e la somma da donare attraverso conto corrente bancario non costituisce un bene esistente nello territorio dello Stato italiano, l’atto di donazione a favore di un beneficiario residente in Italia non è soggetto ad imposta mancando il presupposto di territorialità. - Link

 

Risposta n. 311 del 24 luglio 2019 - Tassazione contratto preliminare di compravendita

Per registrare un contratto preliminare di compravendita di un fabbricato, che prevede la corresponsione di somme a titolo di acconto assoggettati ad Iva, dovrà essere corrisposta l’imposta di registro nella misura fissa per il contratto preliminare e una seconda imposta fissa per il pagamento di uno o più acconti. - Link

 

Risposta n. 315 del 24 luglio 2019 – riduzione IRES

Una casa di cura privata, accreditata con il Servizio sanitario regionale, che svolge anche attività non in convenzione, non può beneficiare della riduzione della metà dell’Ires. La disposizione agevolativa è riconosciuta agli enti che svolgono sostanzialmente e strutturalmente le funzioni del servizio sanitario nazionale. - Link

 

Risposta n. 318 del 25 luglio 2019 – imposta di registro sul contratto di concessione di utilizzo di spazi per la realizzazione di corsi professionali per il personale

Un contratto che contiene operazioni rilevanti ai fini Iva, redatto con scrittura privata non autenticata, deve essere registrato solo in caso d’uso. Quando invece la sua redazione avviene in forma di atto pubblico o scrittura privata autenticata, la registrazione è soggetta all’applicazione dell’imposta di registro in misura fissa. - Link

 

Risposta n. 319 del 25 luglio 2019 – impostadi bollo alle attestazioni di deposito dei documenti allegati alla denuncia di opere edilizie in cemento armato

In tema di permessi per l’esecuzione di lavori in cemento armato, le attestazioni di avvenuto deposito della documentazione strutturale, le istanze di sopraelevazione e la dichiarazione di fine lavori e collaudo sono soggetti all’imposta di bollo fin dall’origine, nella misura di 16 euro a foglio. Sul deposito delle varianti, invece, il tributo non si applica se lo sportello unico si limita ad acquisire la documentazione agli atti. - Link

 

Risposte n. 321 e 323 del 25 luglio 2019 – bollo su documenti informatici

Per i contratti pubblici formati all’interno del Mercato elettronico della pa (Mepa) e i relativi documenti  redatti e firmati in formato elettronico, il Bollo va assolto con il contrassegno telematico o in modalità virtuale. Per il rilascio, invece, dei duplicati informatici di atti amministrativi informatici, l’imposta non sempre si applica. - Link - Link

 

Risposta n. 324 del  luglio 2019 –  corrispettivi elettronici

Una società con volume d’affari superiore a 400mila euro annui, per la vendita diretta di viaggi a clienti non soggetti passivi Iva, deve procedere dal 1° luglio 2019 all’invio telematico dei corrispettivi, rilasciando agli stessi la ricevuta fiscale o, la fattura se richiesta. - Link

 

AGENZIA DELLE ENTRATE – PRINCIPIO DI DIRITTO

Principio di diritto n. 20 del 23 luglio 2019 - Abuso del diritto: operazione di merger leveraged cash out

L’operazione di merger leveraged cash out, con la quale i soci persone fisiche di una società (target) rivalutano le partecipazioni ai fini fiscali e le cedono a un’altra società (veicolo), partecipata da uno dei quattro soci cedenti e dai suoi due figli (soci di maggioranza), successivamente incorporata dalla target, consente l’azzeramento della tassazione dell’incasso diretto (per esempio in assenza di rivalutazione e cessione delle partecipazioni) degli utili da parte dei soggetti cedenti.

Il vantaggio fiscale così conseguito,  è da considerarsi indebito, in quanto consiste nella possibilità di incassare gli utili della società target nonostante non si ponga in essere un effettivo disinvestimento delle partecipazioni detenute.Le operazioni poste in essere sono prive di sostanza economica ed essenzialmente finalizzate al conseguimento del vantaggio fiscale limitatamente a uno dei cedenti. - Link

 

AGENZIA DELLE ENTRATE – CONSULENZA GIURIDICA

Consulenza giuridica n. 18 del 24 luglio 2019  – iva applicabile interventi su impianti elevatori

Installazioni, modifiche e verifiche di ascensori: l’aliquota Iva dipende dalla finalità. Se le opere mirano ad abbattere le barriere architettoniche, a facilitare l’accesso alle persone con difficoltà motorie o a garantire la sicurezza degli impianti l’aliquota è quella ridottissima del 4 per cento. Quando invece si tratta solo di interventi di manutenzione straordinaria, l’aliquota sale al 10 per cento. In altri casi, poi, l’Iva è ordinaria. - Link

0
0
0
s2smodern