Lunedì, 27 Maggio 2019 16:51

Sisma Centro Italia: rateazione e contributi sospesi

L’Inps, con il messaggio n. 1987 del 23 maggio 2019, indica le procedure da seguire per la ripresa dei versamenti per i piani di rateazione sospesi a seguito degli eventi sismici che hanno colpito le Regioni del Centro Italia (Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo) nel 2016 e 2017. L’Istituto ricorda che la comunicazione con cui viene espressa la volontà di avvalersi della rateazione deve essere trasmessa esclusivamente in via telematica, direttamente dal titolare o dal legale rappresentante o dagli intermediari abilitati, utilizzando il format “Rateizzazione contributi sospesi: sisma 2016-2017”. In presenza di uno stesso codice fiscale, con posizioni afferenti a più gestioni previdenziali, è possibile trasmettere un’unica comunicazione, indicando l’esposizione debitoria relativa ai contributi sospesi suddivisi per ciascuna gestione interessata.

L’importo minimo di ciascuna rata - si legge - non può essere inferiore a € 50,00. La prima rata deve essere versata entro il 1° giugno 2019, la seconda entro il 17 luglio e le successive scadranno entro il giorno 16 di ogni mese. Il mancato pagamento di due rate, anche non consecutive, comporterà la decadenza dal piano rateale e l’importo residuo, al quale saranno applicati gli interessi legali, sarà formato in Avviso di Addebito e contestualmente consegnato agli Agenti della Riscossione per le successive attività di recupero. Particolari istruzioni riguardano inoltre la gestione delle agevolazioni concesse alle zone franche urbane del territorio. I destinatari dei provvedimenti di riconoscimento delle agevolazioni da parte del MISE possono utilizzare il credito verso l’erario per i versamenti dei contributi obbligatori dovuti all’Istituto ed oggetto di sospensione contributiva nei periodi di imposta 2017 e 2018, rientranti pertanto nell’arco temporale di riferimento delle agevolazioni zona franca urbana che riguarda i periodi di imposta dal 2017 al 2020. Tale possibilità invece è preclusa per i contributi sospesi relativi al periodo di competenza 2016.

Infine, dopo aver elencato le istruzioni da seguire per gli utenti interessati alla rateizzazione, iscritti a determinate gestioni, l’Inps si sofferma sulla ripresa dei piani di ammortamento sospesi. Questi ultimi devono essere riattivati mediante versamento in unica soluzione, entro la data di scadenza del 1/06/2019, dell’importo complessivo delle rate sospese. Le causali contributo e l’esposizione dei dati nel modello F24 devono essere le stesse utilizzate nel piano di ammortamento originario precedentemente comunicato. Il mancato adempimento comporterà la revoca della rateazione. 

 

Notizie correlate: Sisma 2016-2017: recupero ritenute erariali mediante trattenute - Sisma Centro Italia: versamento contributi sospesi - Sisma Centro Italia: il 1° giugno 2019 la ripresa dei pagamenti

0
0
1
s2smodern