Mercoledì, 15 Maggio 2019 15:32

Uniemens in agricoltura: avvio fase sperimentale

Con circolare n. 65 del 2019, l’Inps annuncia l’avvio di una fase sperimentale di applicazione del sistema Uniemens alla denuncia contributiva da presentare per gli operai agricoli, destinata a sostituire, a partire da gennaio 2020, la procedura DMAG. L’Istituto fornisce le indicazioni operative sulle nuove modalità di trasmissione degli elementi retributivi, contributivi e assicurativi riferiti ai rapporti di lavoro instaurati nel settore dell’agricoltura, ai fini dell’accertamento e assoggettamento alla contribuzione agricola unificata, anche al fine di contrastare efficacemente il caporalato. A decorrere dal mese di competenza gennaio 2020, - si legge nella circolare - le modalità di presentazione del flusso relativo alla manodopera occupata sono modificate come segue:

- i dati retributivi saranno trasmessi tramite il flusso Uniemens, selezionando la Scheda prestazione “Trasmissione UNIEMENS per datori di lavoro di aziende private” e infine aprendo la sezione “Domanda”;
- la cadenza temporale di trasmissione del flusso sarà mensile, con scadenza entro la fine del mese successivo a quello di competenza;
- il canale di trasmissione sarà continuamente aperto, al fine di consentire all’Istituto il prelievo dei dati utili al calcolo della contribuzione dovuta dalle aziende alle scadenze di legge.

I termini di versamento dei contributi restano comunque fissati al:
- 16 settembre per la contribuzione del primo trimestre;
- 16 dicembre per la contribuzione del secondo trimestre;
- 16 marzo dell’anno successivo per la contribuzione del terzo trimestre;
- 16 giugno dell’anno successivo per la contribuzione del quarto trimestre.

A decorrere dal secondo periodo di trasmissione dei flussi contributivi relativi al secondo trimestre 2019 sarà avviata una fase sperimentale finalizzata a garantire una graduale operatività del nuovo sistema che diventerà obbligatorio a partire dal 1° gennaio 2020 (come previsto dall'art. 1, comma 1136, lett. b), della legge 30 dicembre 2018, n. 145). Le aziende potranno trasmettere, in parallelo, sia il flusso DMAG sia il flusso Uniemens/PosAgri. La circolare informa inoltre che entro la fine del mese successivo a ciascun periodo di competenza mensile le aziende, direttamente o attraverso gli intermediari autorizzati, dovranno trasmettere il flusso UniemensPosAgri utilizzando le procedure messe a disposizione dall’Istituto e già in uso per le aziende con dipendenti non agricole. I flussi saranno validati attraverso il software di controllo messo a disposizione dall’Istituto che produrrà come risultato finale dell’elaborazione, il file compresso, crittografato e firmato, che potrà essere trasmesso all’Istituto attraverso la funzione “Invio flussi Uniemens” all’interno di “Servizi per le Aziende e Consulenti”. L’Istituto infine illustra la procedura per le denunce aziendali di nuova iscrizione; le modalità per trasmettere i flussi di variazione; gli effetti sulla posizione assicurativa dei lavoratori agricoli; le attività di monitoraggio dell’Istituto e le attività di verifica dei flussi trasmessi.

Notizie correlate: Proroga Uniemens agricoli al 2020 - Inps: dismissione procedure Flussi telematici DM10 e DM10Vig - Linee guida su intermediazione e sfruttamento del lavoro

0
0
1
s2smodern