Giovedì, 18 Aprile 2019 14:10

Pensione anticipata: online le FAQ dell’Inps

Dall’Inps le prime FAQ sul trattamento di pensione anticipata in vigore a partire dal 2019. Facendo seguito alla circolare n. 11 del 29 gennaio scorso, con il messaggio n. 1551 del 16 aprile l’Istituto risponde ad alcuni quesiti sulla riforma delle pensioni introdotta dal d.l. n. 4 del 2019, convertito con modifiche nella Legge n. 26/2019.

Fra le risposte fornite, l’Inps chiarisce che l’APE sociale è incompatibile con la titolarità di una pensione diretta conseguita in Italia o all’estero, dunque il titolare di APE sociale può conseguire la pensione quota 100 ma perde l’indennità APE. Anche la titolarità di pensione a carico delle casse professionali non osta al conseguimento della pensione in quota 100, ma non viceversa: la titolarità di pensione a carico di una delle forme previdenziali indicate all’articolo 14, comma 1, del d.l. n. 4/2019 osta al conseguimento di quota 100, anche con il cumulo di periodi assicurativi. Per quanto concerne le lavoratrici, l’Inps segnala che, ai fini dell’accesso a opzione donna, per il raggiungimento del requisito contributivo di 35 anni sono utili i contributi obbligatori, da riscatto e/o da ricongiunzione, volontari, figurativi con esclusione però dei contributi accreditati per malattia e disoccupazione o equiparati. Per i precoci, infine, fermo restando che la c.d. finestra di differimento mobile decorre dalla data di perfezionamento del requisito contributivo prescritto per il diritto alla pensione anticipata, la decorrenza della pensione non può essere anteriore alla data di perfezionamento degli ulteriori requisiti e delle condizioni richieste dalle disposizioni in materia vigenti.

Notizie correlate: Consulenti del lavoro pronti a vincere la sfida del Rdc - Quota100 e dintorni: la riforma di pensioni e welfare - Riscatto della laurea: quanto si risparmia?

0
0
0
s2smodern