Giovedì, 04 Aprile 2019 12:17

Riscatto della laurea: quanto si risparmia?

Con la conversione del d.l. n.4 del 2019 nella Legge n. 26/2019, è stata estesa la possibilità di accedere al riscatto agevolato della laurea o del dottorato ai fini della pensione, per valorizzare il periodo degli studi sia ai fini dell’anzianità contributiva che per la misura dell’assegno pensionistico. Potranno dunque essere riscattati i periodi di studio dopo il 1996 ma senza più limiti di età anagrafica. A ripercorrere la disciplina è Repubblica.it in un articolo dello scorso 2 aprile nel quale fornisce una serie di esempi elaborati dalla Fondazione Studi Consulenti del Lavoro per spiegare quanto si risparmia optando per il riscatto "light".

Per ciascun dei tre casi presi ad esempio, viene proposto il calcolo sia dell’onere del riscatto ordinario che di quello agevolato, consentendo così di verificare la percentuale di risparmio rispetto all’entità dell’imponibile e al numero di anni di studio riscattati.

Rassegna web: donnamoderna.com - money.it

Notizie correlate: Reddito e Quota 100: il “decretone” è legge - Quota 100, a Roma il maggior numero di domande - Inps: riscatto laurea e contributi

0
0
1
s2smodern