Lunedì, 18 Marzo 2019 14:58

L’equo compenso resta un rompicapo

Se da una parte si allunga la lista delle Regioni che intendono assicurare un equo compenso a tutti i professionisti, dall' altra continuano i tentativi da parte della PA di non retribuirli adeguatamente. Se ne parla su “Il Sole 24 Ore” di oggi a pagina 11 che ricorda alcuni episodi che dimostrano la difficile vita dell'equo compenso, la regola introdotta dal Dl 148/2017 in prima battuta per tutelare gli avvocati e poi estesa a tutti i professionisti. Si torna a parlare di reddito di cittadinanza con la prima fotografia della platea di chi ha chiesto il reddito di cittadinanza, scattata dal Sole 24 Ore del Lunedì, su 63.814 domande arrivate fino al 15 marzo: giovani al 7% e richieste provenienti soprattutto al Sud e Isole.

E ancora le scadenze di marzo e aprile di cui si parla su “Italia Oggi Sette”. Tempi supplementari per l’ultima comunicazione delle liquidazioni periodiche del 2018 relativa al periodo ottobre-dicembre 2018 che dovrà essere trasmessa entro il 10 aprile 2019. E scadenza al 31 marzo per la comunicazione obbligatoria delle attività usuranti con sanzioni da 500 a 1.500 euro per chi non adempie. Per concludere, su "Il Corriere della Sera" alcune anticipazioni sul piano del Governo che dovrebbe accompagnare il Documento di economia e finanza a metà aprile, e che esclude ogni ipotesi di manovra correttiva sui conti pubblici, che dovrebbe favorire la crescita attraverso anche gli sgravi per le imprese.

Guarda il video

Notizie correlate: Incomprensibile retromarcia sull’equo compenso - Reddito di cittadinanza: per ogni addetto del CPI 506 potenziali beneficiari

0
0
1
s2smodern