Lunedì, 28 Gennaio 2019 14:06

Online il n.1/2019 di "Leggi di Lavoro"

È già disponibile sull'App Leggi di Lavoro, scaricabile da App store e Play store, il numero di gennaio-febbraio della rivista giuridica bimestrale dei Consulenti del Lavoro. Ad aprire questa prima edizione del 2019 l'editoriale di Rosario De Luca, che si sofferma ad analizzare due provvedimenti in materia di lavoro che possono avere dei risvolti positivi sulle imprese e sui professionisti intermediari: l’abolizione del Libro Unico del Lavoro telematico e l’utilizzo del “tesoretto” Inail per abbassare il costo del lavoro.

A seguire, nella sezione "La Dottrina", riflettori accesi su: i contratti a termine e gli ambiti della contrattazione collettiva alla luce dell'entrata in vigore della Legge n.96/2018; il presidio di legalità e il diritto al risarcimento del danno in caso di abusivismo professionale riconosciuti agli Ordini professionali; gli interventi d'urgenza per la tenuta occupazionale operati mediante ammortizzatori sociali e il punto della Suprema Corte sui permessi riconosciuti con l'ex art. 33, comma 3, della Legge n.104/92.

Per "Il Caso" l'analisi del contratto leader e dei suoi riflessi contributivi; il nuovo esonero contributivo per favorire l'occupazione giovanile introdotto dalla L. n.96/2018; le precisazioni sulle verifiche ispettive riguardanti l'obbligo di tracciabilità delle retribuzioni; i rapporti di lavoro parasubordinati che interessano amministratori, sindaci e collaboratori coordinati e continuativi non residenti e la guida per svolgere il praticantato per l'accesso alla professione di Consulente del Lavoro. Ad arricchire il numero, l'indagine dell'Osservatorio Statistico di Categoria sul contratto di apprendistato e l'analisi Inps sul ricorso al lavoro incentivato.

L'abbonamento annuale alla rivista, in formato cartaceo e/o multimediale, è sempre disponibile sullo store della Fondazione Studi. Abbonati!

Guarda il promo

Notizie correlate: A Torino nuova condanna per abuso della professione - Ispezioni, precisazioni per una corretta impugnazione dei verbali

0
0
1
s2smodern