Mercoledì, 12 Dicembre 2018 16:50

DURC: criticità sotto i riflettori

In attesa di conoscere la risposta del Ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, alle segnalazioni della Categoria sintetizzate nella lettera della Presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine, Marina Calderone, le criticità sul Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC) restano all’attenzione dei Consulenti del Lavoro.

Proprio per fare chiarezza sugli aspetti interpretativi ed applicativi della disciplina, a maggio di quest'anno la Fondazione Studi ha pubblicato il Principio n.1/2018 in materia di DURC e diritto al godimento dei benefici normativi-contributivi. Nel documento si sottolinea come la normativa istitutiva del Documento Unico di Regolarità Contributiva, nonostante i numerosi interventi legislativi e giurisprudenziali, risultava incerta e in alcuni casi contraddittoria, a scapito dell’intento di semplificare la procedura di rilascio del Documento, oggi via web e in tempo reale con il cosiddetto “Durc online”.  Inoltre, già nel 2017, il Consiglio nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro, nell’ambito del tavolo tecnico con l’Inps, è stato impegnato in prima linea per trovare soluzioni alle criticità incontrate dalle imprese. Tali problematiche, in particolare, si concentravano sul periodo troppo breve (15 giorni) concesso alle imprese per regolarizzare la posizione contributiva aziendale e portare a termine gli adempimenti necessari a dimostrare l’eventuale infondatezza della valutazione dell’Istituto.

Notizie correlate: A rischio le agevolazioni delle imprese anche per lievi irregolarità - Durc online: convenzione Inail-Inps-MISE - INPS, inizia fase di sperimentazione della nuova procedura “VERA” - DPA: aggiornamenti procedurali

0
0
1
s2smodern