Giovedì, 15 Novembre 2018 16:00

Cassazione: la temporanea inattività è lavoro

La temporanea inattività è lavoro e va computata e retribuita secondo legge. Infatti, pur restando inoperoso, il lavoratore è obbligato a tenere costantemente disponibile la propria forza lavoro per ogni richiesta o necessità del datore di lavoro. A stabilirlo è la Corte di Cassazione con la sentenza n. 24828 depositata lo scorso 9 ottobre nella quale sono stati riepilogati principi e norme in materia di orario di lavoro e periodi di riposo. L'ordinanza della Suprema Corte ha così obbligato un’impresa elettromeccanica a pagare oltre 90mila euro di differenze retributive a un addetto alla sostituzione di lampade della pubblica illuminazione che svolgeva lavoro discontinuo, utilizzando un automezzo custodito presso il proprio domicilio e senza obbligo di passare dalla sede aziendale.

Nella pronuncia la Corte ha messo in luce che la retribuzione deve corrispondere all’intera durata temporale della messa a disposizione delle energie lavorative. Infatti, le norme sull’orario di lavoro di cui al D.Lgs. n. 66/2003, art. 1, comma 2, lett. a), in attuazione della Direttiva 93/104/CEE, attribuiscono rilievo non solo al tempo della prestazione effettiva, ma a qualsiasi periodo in cui il lavoratore sia a disposizione del datore di lavoro e nell’esercizio delle sue funzioni. Anche alla luce di un orientamento giurisprudenziale consolidato, è dunque computabile nell’orario di lavoro la temporanea inattività tipica del lavoro discontinuo nella quale, pur rimanendo inoperoso, il lavoratore è tenuto ad essere disponibile per ogni richiesta o necessità, a differenza del riposo intermedio nel quale invece può disporre liberamente del proprio tempo. Inoltre, la retribuzione matura anche nel periodo necessario a raggiungere il luogo di lavoro se lo spostamento è funzionale allo svolgimento delle proprie attività.

Notizie correlate: Aliquota ridotta I.V.S. anche per gli intermediari - Licenziamento orale soggetto solo al termine prescrizionale - Lavoro intermittente: straordinari in busta paga

0
0
1
s2smodern