Venerdì, 19 Ottobre 2018 16:29

Al via gli sgravi sui premi di risultato

Con la circolare n. 104 del 2018, l’Inps dà il via libera agli sgravi per i premi di produttività del settore privato, illustrando le modalità di fruizione e di compilazione dei flussi Uniemens e DMAG, a partire dal mese di novembre.

Lo sgravio, introdotto dalla Legge di Bilancio 2016 e disciplinato dall’articolo 55 del decreto-legge n. 50 del 2017, convertito in Legge n. 96 del 2017, consiste in una riduzione pari al 20% dei contributi dovuti dai datori di lavoro privati (anche quelli che non svolgono attività imprenditoriale) e al 100% della quota a carico dei lavoratori dipendenti, che abbiano un reddito fino a 80 mila euro annui, per i premi di risultato fino a 800 euro annui e per importi massimi di 3 mila euro all’anno (elevati a 4 mila nel caso in cui l'azienda coinvolga i lavoratori nell'organizzazione del lavoro).

Il beneficio contributivo non è soggetto alla preventiva autorizzazione da parte dell’Inps, può essere cumulato con altre agevolazioni e comporta la corrispondente riduzione dell'aliquota di computo per il calcolo del trattamento pensionistico. Inoltre, interessa anche i premi erogati nei mesi trascorsi dall’entrata in vigore della norma e nelle more dell’emanazione della circolare n. 104/2018. Il recupero della maggiore contribuzione versata nei mesi precedenti potrà avvenire con la procedura delle regolarizzazioni contributive (UniEmens/vig) a partire dal mese di maggio 2017.

Notizie correlate: Coinvolgimento paritetico dei lavoratori: i vantaggi fiscali - Le novità sul welfare aziendale: l'analisi della Fondazione Studi - Premi di risultato e welfare aziendale: chiarimenti su invio tardivo della CU

0
0
1
s2smodern