Martedì, 07 Marzo 2017 10:37

Voucher, Calderone: “Ridefinire il sistema senza cambiamenti radicali”

La stretta sui voucher, che vorrebbe riportare il loro utilizzo solo in ambito domestico così come stabilito all'origine con la Legge Biagi, limiterà fortemente i numeri ottenuti negli ultimi anni introducendo un cambiamento forse troppo radicale per le imprese dal momento che il 98% dei buoni lavoro sono utilizzati dalle imprese e il restante 2% dalle famiglie. “Se si deve fare un bilancio osservando i numeri, i voucher hanno funzionato perché 133 milioni di buoni lavoro sono stati venduti solo nel 2016”, ha affermato Marina Calderone, Presidente dell’Ordine Nazionale dei Consulenti del Lavoro, ai microfoni di Zapping, il programma di Radio Rai, andato in onda il 2 marzo 2017.

La Presidente, durante il suo intervento, ha riportato i dati emersi dal rapporto dell'Osservatorio Statistico di Categoria sull’utilizzo dei buoni lavoro, che evidenziano un sensibile incremento dal 2003 ad oggi ed una forte riduzione del numero dei lavoratori intermittenti: 800.000 i lavoratori che hanno utilizzato un voucher e che prima non erano conosciuti al mercato ovvero erano ragionevolmente in nero. Secondo la Calderone, il sistema necessita di una riformulazione concreta, finalizzata a rispondere alle esigenze delle prestazioni a carattere eccezionale, che non possono essere inquadrate nelle tipologie contrattuali di lavoro dipendente.

Nella parte finale dell’intervista la Presidente si è soffermata sugli aspetti positivi del sistema: “Il voucher può essere una opportunità e non guardiamolo solo come uno strumento che potrebbe esser utilizzato in modo improprio. Pensiamo anche che, tra quei 800mila nuovi lavoratori censiti nell’indagine dell’Osservatorio, ci sono tanti giovani e soprattutto tante donne” che hanno avuto modo di promuoversi e farsi conoscere nel mondo del lavoro.

Ascolta l’intervento

Notizie correlate: Con i voucher 800mila lavoratori non sono più in nero - Voucher limitarne l'uso per contrastarne gli abusi - Voucher in calo dopo l'introduzione della comunicazione preventiva

0
0
0
s2smodern