Mercoledì, 18 Marzo 2020 10:39

Decreto “Cura Italia”: disattese le richieste degli ordini professionali

Il decreto "Cura Italia" sembra dimenticarsi dei 2,3 milioni di professionisti ordinistici italiani. È quanto sottolineato ieri, in una lettera a firma congiunta indirizzata al Presidente del Consiglio dalla Presidente del Comitato Unitario Permanente degli Ordini e Collegi Professionali (CUP), Marina Calderone, e dal Coordinatore della Rete Professioni Tecniche (RPT), Armando Zambrano, sollecitando un intervento anche a tutela di questa ampia popolazione di lavoratori italiani. Nulla si dice - continua la lettera - sulla possibilità che le Casse di Previdenza dei professionisti possano essere autorizzate ad utilizzare le loro risorse, anche in deroga rispetto ai vincoli normativi esistenti, per individuare forme di sostegno e di integrazione al reddito dei professionisti iscritti ai 27 ordini professionali.

Leggi la lettera

Rassegna web: corrieredellumbria.corr.it - corrierediarezzo.corr.it - corrieredirieti.corr.it - corrieredisiena.corr.it - corrierediviterbo.corr.it - eutekne.info - ilsannioquotidiano.it - lavocedinovara.com - olbianotizie.it - sassarinotizie.com - today.it - zazoom.it

Notizie correlate: Coronavirus, approvato il decreto 'Cura Italia' - Protocollo Governo-parti sociali: annotazioni esplicative - Italia “bloccata” dal Covid-19: chi lavora e chi no

0
0
0
s2smodern