Giovedì, 01 Dicembre 2016 15:05

Assegno di ricollocazione: istruzioni per l'uso su Leggi di Lavoro

Sul n.6/2016 di Leggi di Lavoro un approfondimento sull'assegno di ricollocazione, la sperimentazione di politica attiva del lavoro che coinvolge tutti quei lavoratori percettori di NASPI e in stato di disoccupazione da almeno 4 mesi. Sulla rivista giuridica dei Consulenti del Lavoro viene illustrato il funzionamento di questo contributo economico, con cui il Legislatore mira a potenziare la ricerca attiva di un lavoro attraverso percorsi di formazione destinati a rafforzare l’ occupabilità. 

Le istruzioni per l’uso di questo strumento sono, inoltre, illustre in web tv da Romano Benini, esperto di politiche del lavoro, che ricorda che l'ammontare dell'assegno di ricollocazione dipende dalla profilazione del candidato ovvero dalla sua possibilità occupazionale e dal tipo di contratto con cui viene inserito nel mondo del lavoro. Più alta è la profilazione, più stabile è il contratto e più grande è il valore dell'assegno, che può andare da un minimo di 1000 euro ad un massimo di 5000 euro in caso di assunzione con contratto a tempo indeterminato o di apprendistato e da un minimo di 500 euro ad un massimo di 2.500 euro in caso di assunzione con contratto a tempo determinato di durata pari o superiore a 6 mesi.

Guarda il video

Notizie correlate: Anpal con nuovo portale - Assegno di ricollocazione e politiche attive