Martedì, 10 Luglio 2018 15:00

Studi di settore e parametri 2018, nuovi chiarimenti

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare 14/E del 6 luglio 2018, passa in rassegna le principali novità relative ai 193 studi di settore e parametri 2018 applicabili all'anno di imposta 2017 e da presentare con il modello redditi 2018.Gli studi di settore, infatti, continueranno per ora ad essere applicati in ragione della proroga, disposta dalla legge di Bilancio 2018, per l’applicazione degli Indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA). In particolare, sono confermati gli stessi criteri degli anni scorsi per avere accesso al cosiddetto regime “premiale”. Tra le principali novità - evidenzia il documento dell'Agenzia - il decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze del 23 marzo 2018, per il periodo di imposta 2017, ha approvato 5 specifici indicatori territoriali per tenere conto del luogo in cui viene svolta l’attività economica e dei correttivi per le imprese minori in contabilità semplificata a seguito della nuova formulazione dell’art. 66 TUIR introdotta dalla Legge di Bilancio 2017.

Per quanto concerne gli studi di settore che devono essere applicati nei confronti delle imprese minori in contabilità semplificata (la determinazione del reddito avviene sulla base di quanto stabilito dall’art. 66 TUIR), sono stati previsti alcuni interventi correttivi da parte del Ministero dell’Economia e delle Finanze con D.M. 23 marzo 2018. Gli interventi si sono resi necessari in ragione del fatto che la Legge di Bilancio 2017 ha introdotto, in relazione a tale categoria di contribuenti, nuove regole per la determinazione della base imponibile IRPEF e IRAP.
Per consentire la corretta applicazione degli studi di settore ai contribuenti minori in regime di contabilità semplificata ed evitare distorsioni nella stima, è stata elaborata con il supporto della SOSE una metodologia che prevede degli interventi correttivi e la partecipazione alle stime del valore delle rimanenze finali di magazzino.

Inoltre - si legge nel comunicato stampa - è stata approvata la revisione congiunturale speciale degli studi di settore al fine di tener conto degli effetti della crisi economica e dei mercati. Si tratta di correttivi con una struttura del tutto analoga a quella adottata lo scorso anno. La circolare si sofferma infine sulla modulistica e sulle modifiche apportate alla struttura adottata per il 2017.

Notizie correlate: A proposito di regime di cassa - Studi di settore nel regime premiale 2017 - Isa 2018, nuove attività coinvolte

0
0
1
s2smodern