Martedì, 12 Giugno 2018 12:27

ANPAL: verifica del requisito di lavoratore svantaggiato

È attiva da qualche giorno, nella sezione ad accesso riservato dei servizi Anpal, la nuova funzionalità "Incentivabilità" che permette di verificare se una lavoratrice o un lavoratore risulti "svantaggiato", e se quindi al suo datore di lavoro possano essere riconosciuti gli incentivi all'assunzione. Questo nuovo servizio restituisce le informazioni relative all'incentivabilità della persona verificando la presenza o meno di comunicazioni obbligatorie e non tiene conto di eventuali periodi di lavoro autonomo svolti. Il servizio - si legge - è a disposizione dei centri per l'impiego, degli operatori iscritti all'albo informatico delle agenzie per il lavoro, dei soggetti iscritti all'albo nazionale dei soggetti accreditati ai servizi per il lavoro e dei cittadini stessi.

Sono incentivabili - ricorda l'Agenzia - le assunzioni di persone che, nei sei mesi antecedenti alla data in cui si effettua la richiesta, non hanno avuto rapporti di lavoro subordinato, o che hanno avuto rapporti di lavoro conclusi e di durata non superiore a sei mesi (i periodi di lavoro intermittente, tirocinio e LSU non rientrano nel conteggio); oppure che hanno svolto attività di lavoro autonomo o parasubordinato da cui derivi un reddito inferiore al reddito annuale minimo escluso da imposizione.

 

Tuttavia questa utility, tra l’altro già disponibile sul sito dell’INPS fin dallo scorso mese di febbraio,  non è pienamente rispondente alle previsioni dell’ultima legge di bilancio ( Legge n. 205/2017, all’art.1, comma 801) secondo cui l’ANPAL avrebbe dovuto mettere a disposizione alle Agenzie per il Lavoro ed ai soggetti accreditati ai servizi nazionali per il lavoro, i  dati  relativi alle persone in stato di disoccupazione o a rischio disoccupazione ai sensi dell’art. 19, commi 1 e 4, del d.lgs . 150 del 2015, per favorirne la ricollocazione nel mercato del lavoro e al fine di garantire una maggiore efficacia dell’incontro tra domanda e offerta di lavoro. Allo stato, infatti, la procedure non consente di verificare se un soggetto è in possesso del corretto status di disoccupato. A ciò si aggiunga che se l'interrogazione riguarda un soggetto assunto prima del 2008, l'informazione restituita non è attendibile perché prima di tale anno le comunicazioni obbligatorie erano cartacee e la banca dati non possiede uno storico.

22 TABELLE DI SINTESI PER L'APPLICAZIONE DELLE AGEVOLAZIONI

Notizie correlate: Accordo di ricollocazione, indicazioni operative - Ricorso ai CPI: la nota ANPAL - Assegno di ricollocazione: novità e modalità di fruizione

0
0
1
s2smodern