Lunedì, 14 Maggio 2018 08:16

Le Novità Normative della Settimana dal 07 al 13 maggio 2018

Approvazione della revisione congiunturale speciale degli studi di settore per il periodo d'imposta 2017
Sulla Gazzetta Ufficiale n. 102 del 4 maggio 2018 è stato pubblicato il decreto 23 aprile 2018, con cui il Ministero dell’economia e finanza ha approvato la revisione congiunturale speciale degli studi di settore per il periodo d’imposta 2017.
La revisione è finalizzata ad “adeguare” l’applicazione degli studi agli effetti della crisi economica e dei mercati, con particolare riguardo a determinati settori o aree territoriali. - Link

Modifica degli allegati C e D al decreto 28 dicembre 2015 riguardanti lo scambio automatico obbligatorio di informazioni nel settore fiscale
Sulla Gazzetta Ufficiale n. 104 del 7 maggio 2018 è stato pubblicato il decreto 26 aprile 2018del Ministero dell’economia e finanza, con il quale sono state apportate alcune modifiche agli allegati al decreto 28 dicembre 2015, che detta le disposizioni attuative della legge 95/2015 in materia di scambio automatico obbligatorio di informazioni nel settore fiscale. In particolare, il decreto aggiorna gli elenchi contenuti negli allegati C e D concernenti, rispettivamente, le giurisdizioni oggetto di comunicazione e le giurisdizioni partecipanti. - Link

 

INPS

Modalità di compilazione della denuncia mensile UNIEMENS- ListaPosPA
Con il messaggio n. 1974 dell’11 maggio 2018, l’INPS fornisce le istruzioni in merito alla compilazione della denuncia mensile ListaPosPA al ricorrere di alcuni casi particolari nell’ambito del rapporto di lavoro, quali: congedo di maternità, erogazione dell’indennità di mancato preavviso, tredicesima mensilità in caso di modifica da TFS a TFR o sospensione senza rientro in servizio del lavoratore. - Link

Reddito di Inclusione. Chiarimenti in ordine all’entrata in vigore delle modifiche introdotte dalla legge di bilancio 2018
Con il messaggio n. 1972 dell’11 maggio 2018, l’INPSfornisce chiarimenti in ordine all’entrata in vigore delle modifiche introdotte dalla legge di bilancio 2018, relative ai requisiti familiari di cui all’articolo 3, comma 2, del decreto legislativo 15 settembre 2017, n.147. Pertanto dato che il beneficio  in parola decorre dal mese successivo a quello della richiesta, l’abrogazione dei requisiti relativi alla composizione del nucleo familiare opererà a partire dalle domande presentate dal 1° giugno 2018. - Link

Semplificazione delle modalità di accesso all’indennità di accompagnamento
L’INPS, con il messaggio n. 1930 dell’8 maggio 2018,  comunica che, nel quadro delle attività di semplificazione degli adempimenti sanitari e amministrativi relativi alla concessione dei benefici di invalidità civile, sono state avviate azioni di reingegnerizzazione delle fasi organizzative e procedurali del procedimento di concessione dell’indennità di accompagnamento. In particolare, l‘attività di semplificazione è rivolta ai cittadini non in età lavorativa, che presentano una domanda di invalidità civile. - Link

 

MINISTERO DEL LAVORO

Permesso di soggiorno per motivi familiari - svolgimento di attività lavorativa nelle moredel rilascio
Il Ministero del Lavoro, con la nota congiunta con l’Ispettorato Nazionale del Lavoro n. 4079  del 7 maggio 2018, afferma chei soggetti richiedenti permesso di soggiorno per motivi familiari possono iniziare a svolgere attività lavorativa, nel rispetto degli obblighi e condizioni previsti dalla normativa vigente, avvalendosi ai fini della prova del regolare soggiorno sul territorio dello Stato e della possibilità di instaurare un regolare rapporto di lavoro, della semplice ricevuta postale attestante la richiesta di rilascio del permesso di soggiorno per motivi familiari.”. - Link

 

ISPETTORATO NAZIONALE DEL LAVORO

Intermittenti: servizio PEC regolare - Link
L’Ispettorato Nazionale del Lavoro rende noto che a causa di problemi tecnici sul canale PEC , al momento non è possibile trasmettere chiamate al lavoro tramite posta certificata. Per adempiere alla procedura telematica durante il periodo del disservizio si potrà utilizzare:
·       il servizio informativo;
·       l’app Lavoro intermittente;
·       la modalità di invio tramite SMS esclusivamente in caso di prestazione da rendersi non oltre le 12 ore dalla comunicazione.

 

MINISTERO DEGLI INTERNI

Riposo settimanale regolare a bordo del veicolo
Il Dipartimento della Pubblica Sicurezza, del Ministero dell’Interno, ha emanato la circolare - 30/04/2018 - Prot. n. 3530  con la quale, a seguito della sentenza della Corte Europea di Giustizia C-102/16 del 20 dicembre 2017 , dispone che “il riposo settimanale regolare a bordo del veicolo possa esser considerato come non goduto, in quanto effettuato in condizioni non idonee secondo la normativa vigente. Conseguentemente, nel caso in cui tale situazione dovesse essere accertata a seguito di un controllo su strada, potrà essere contestata la violazione prevista dall’art. 174, comma 7, CdS, nell’ipotesi più grave indicata nel terzo periodo (mancato rispetto dei limiti prescritti per oltre il 20%).


AGENZIA DELLE ENTRATE

Natura del reddito prodotto dalle società tra avvocati STA
L’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 35 del 7 maggio 2018 ha affermato che in assenza di una esplicita norma l’esercizio della professione forense svolta in forma societaria costituisce attività d’impresa, in quanto risulta determinante il fatto di operare in una veste giuridica societaria piuttosto che lo svolgimento di un’attività professionale, di conseguenza, lo stesso va assoggettato alle regole dettate per tale tipologia. - Link

Programma delle elaborazioni degli indici sintetici di affidabilità fiscale applicabili a partire dal periodo d’imposta 2018 - Link
Con il provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate del 7 maggio 2018 è stato approvato il programma delle attività di elaborazione degli indici sintetici di affidabilità fiscale applicabili per il periodo d’imposta 2018, ulteriori rispetto a quelli già approvati con il decreto ministeriale dello scorso 23 marzo. In particolare, il provvedimento odierno prevede l’elaborazione di 105 indici sintetici di affidabilità fiscale, da approvare con decreto del ministro dell’Economia e delle Finanze, come di seguito suddivisi:
·       2 relativi ad attività economiche del settore dell’agricoltura
·       22 relativi ad attività economiche del settore delle manifatture
·       44 relativi ad attività economiche del settore dei servizi
·       14 relativi ad attività professionali
·       23 relativi ad attività economiche del settore del commercio.

IVA. Modifiche alla disciplina della scissione dei pagamenti
L’Agenzia delle entrate, con la circolare n. 9 del 7 maggio 2018,, illustra l’impatto delle norme introdotte dall’art. 3 decreto legge 148/2017 sulla disciplina della scissione dei pagamenti, con riferimento alle operazioni per le quali viene emessa fattura dal 1° gennaio 2018 in poi. Dal 1° gennaio di quest’anno, il meccanismo della scissione dei pagamenti opera nei confronti di soggetti a vario titolo controllati o partecipati dalla pubblica amministrazione. - Link

Utilizzo in compensazione di un credito inesistente
Con la risoluzione n. 36 dell’8 maggio 2018o, l’Agenzia delle entrate ha fornito chiarimenti in merito al trattamento sanzionatorio da adottare a seguito dell’utilizzo in compensazione di crediti Iva inesistenti, già recuperati in ambito accertativo e sanzionati per illegittima detrazione e infedele dichiarazione, ai sensi degli articoli 6, comma 6, e 5, comma 4, del Dlgs 471/1997. In particolare,  stato chiarito se, nell’ipotesi rappresentata, debba essere irrogata anche l’ulteriore sanzione di cui all’articolo 13, comma 5, dello stesso decreto legislativo. - Link

Fissazione della misura degli interessi di mora
Con il provvedimento del 10 maggio 2018, l’Agenzia delle Entrate, tenuto conto della media dei tassi bancari attivi, riferita al periodo 1° gennaio-31 dicembre 2017, fissa al 3,01% la misura degli interessi di mora da aggiungere alle somme iscritte a ruolo (escluse sanzioni pecuniarie tributarie e interessi) e versate oltre il limite di sessanta giorni dalla notifica della cartella di pagamento. - Link

0
0
1
s2smodern