Mercoledì, 06 Dicembre 2017 12:10

L'equo compenso è un diritto dei professionisti

Entra in vigore oggi, 6 dicembre 2017, il decreto fiscale, collegato alla Legge di bilancio 2018. È stato, infatti, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.284 del 5 dicembre 2017 la legge 4 dicembre 2017, n. 172 di «Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 16 ottobre 2017, n.148, recante disposizioni urgenti in materia finanziaria e per esigenze indifferibili. Modifica alla disciplina dell’estinzione del reato per condotte riparatorie».

Tra le novità introdotte dal provvedimento la rottamazione bis: l'estensione della definizione agevolata dei ruoli affidati agli agenti della riscossione non solo per le cartelle di pagamento notificate dal 1° gennaio 2017 al 30 settembre 2017, ma anche per quelle notificate dal 2000 al 31 dicembre 2016; l'introduzione di uno spesomentro trimestrale e semestrale e l'estensione dell'equo compenso a tutti i professionisti, anche a chi non è iscritto ad un ordine professionale. I professionisti, quindi, avranno diritto ad un compenso economico adeguato e proporzionato alle prestazioni e al lavoro svolto per i committenti "forti" come banche, assicurazioni e Pubbliche Amministrazioni.

Notizie correlate: Equo compenso a tutela dei professionisti più giovani - Nasce "Professionisti per l'Italia"