Mercoledì, 22 Novembre 2017 15:00

TFR: niente clausole salvaguardia per Tfr 2013

L’Agenzia delle Entrate non riconosce, per il periodo di imposta del 2013, l’applicazione delle clausole di salvaguardia sulle riliquidazioni del Tfr ed altre indennità, nonostante la norma vigente preveda l’applicazione delle nuove aliquote sulle somme già maturate. Gli avvisi che l'Agenzia delle Entrate sta recapitando per il periodo 2013 (i cui termini scadranno il 31 dicembre 2018) hanno una peculiarità. Infatti, nella determinazione dell’Irpef dovuta non è riconosciuta la clausola di salvaguardia, quindi la possibilità di applicare le aliquote e gli scaglioni vigenti al 31 dicembre 2006 anche sulle somme con diritto alla percezione dal 1°gennaio 2007.

La conseguenza a questa scelta del Fisco, nonostante le clausole di salvaguardia siano ancora in vigore, è data da un aggravio dell’imposta effettivamente dovuta dato che gli scaglioni in vigore dal 2007, peggiorativi rispetto ai previgenti. A subire maggiori ripercussioni sono soprattutto i redditi più bassi che fino al 31 dicembre 2006 scontavano l'aliquota del 23% sulle somme fino a 26.000 euro, mentre a partire dal 2007 il 23% si applica solo fino a 15.000.00 euro, e sui redditi superiori del secondo scaglione (da 15.001 a 27.000 euro) la tassazione è del 27%.

Per saperne di più

Notizie correlate: Tfr ai fondi pensione, le regole della Covip - Cigs, Tfr a carico dell'azienda - Tfr e pensione integrativa, cosa cambiera?

0
0
0
s2smodern