Lunedì, 19 Giugno 2017 15:33

Dal 1° luglio split payment esteso ai professionisti

A partire dal prossimo 1° luglio l'ambito soggettivo di applicazione del meccanismo speciale (split payment) previsto dall' art. 17-ter del dpr 633/72, che impone ai clienti il versamento del tributo direttamente all' erario anziché ai propri fornitori, raggiunge e supera quello della fatturazione elettronica obbligatoria. Saranno infatti coinvolti tutti i soggetti ricompresi nel perimetro del bilancio pubblico consolidato, come già previsto per la «fattura p.a. Tra questi, i liberi professionisti  che loro malgrado dovranno rinunciare all’incasso dell’Iva essendo stata cancellata la norma che escludeva dallo split payment le prestazioni di servizi sottoposte alla ritenuta d' acconto. Nonostante le perplessità manifestate dai professionisti. Nell’articolo di Italia Oggi Sette, a pagina 3, vengono analizzate nel dettaglio le novità introdotte dal dl 50/2017, stabilizzate dopo la conversione in legge con qualche modifica rispetto al testo originario, già autorizzate dall' Ue. In particolare: le modifiche in sede di conversione, i soggetti coinvolti, le operazioni escluse dal meccanismo.
L’articolo è consultabile da tutti i Consulenti del Lavoro iscritti al portale della Fondazione UniversoLavoro attraverso il servizio giornaliero di rassegna stampa nazionale messo a loro disposizione.

Notizie correlate: Via libera alla manovra fiscale - Split payment: dal 1° luglio esteso ai professionisti - Le nuove-regole-sulle-compensazioni