Martedì, 11 Aprile 2017 07:32

Come si disciplina un rapporto di co.co.co.

Dopo l'abrogazione dei contratti a progetto, restano in vigore le collaborazioni coordinate e continuative note anche come co.co.co.. Si tratta di forme di lavoro parasubordinato che si pongono al centro tra il lavoro autonomo e il lavoro subordinato e che vedono il collaboratore organizzarsi "in maniera autonoma, coordinandosi con il committente", spiega Paola Mancini, esperta della Fondazione Studi, nella puntata del 9 aprile di "Il Posto Giusto".

Questa autonomia, però, si verifica anche per i tempi ed i luoghi di lavoro, mentre il compenso si determina al raggiungimento dell'obiettivo a prescindere dal tempo impiegato per raggiungerlo.

L'esperta interviene anche sugli aspetti legati alla contribuzione sottolineando che per questi soggetti è fissata per i due terzi a carico del datore di lavoro e per un terzo a carico del lavoratore. Al termine della collaborazione è possibile richiedere la disoccupazione se sussitono dei requisiti contributivi e lavorativi minimi. 

Rivedi l'intervento - Tutte le puntate

Notizie correlate: Co.co.co., contributi più alti ed indennità di disoccupazione cancellata

0
0
1
s2smodern