Mercoledì, 08 Gennaio 2014 12:14

Ticket licenziamento rincara: 489,61 euro annui

Il 2014 inizia con un incremento del ticket sui licenziamenti, introdotto dalla legge Fornero n. 92/2012, in vigore dal 1° gennaio 2013 e dovuto in tutti i casi in cui si verifichi la risoluzione di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato per cause indipendenti dalla volontà del lavoratore.

Il nuovo valore è stabilito in euro 40,80 mensili (euro 489,61 per ogni anno di anzianità del lavoratore licenziato) a seguito della rivalutazione Istat dell'1,2 per cento della somma limite prevista dalla legge n. 92/2012 presa a riferimento dall'Inps, passando nel 2014 da euro 1.180 a euro 1.194,16. La contribuzione a carico del datore di lavoro spetta anche qualora il lavoratore, pur avendone diritto, non percepisca effettivamente l'indennità. Esclusi dall'obbligo di versamento, con alcune eccezioni, i casi di licenziamento intervenuto a seguito di dimissioni, risoluzioni consensuali e decesso del lavoratore.

Precedenti notizie

Il ticket sui recessi
E' scaduto lo scorso 17 giugno il termine per versare il contributo per i licenziamenti, introdotto dalla legge 92/12 per finanziare l'Aspi.

Ticket licenziamento, ulteriori chiarimenti Inps, ma nessun ripensamento sulle precedenti istruzioni
Dopo la discussa circolare 44/13 che andava oltre il dettato normativo, l’Inps non modifica l’interpretazione.

Ticket licenziamento? Una tassa da 225 milioni di euro
L'indagine della Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro fa luce sui quasi 225 milioni di euro che le imprese dovranno versare all'Inps per l'anno 2013.

Ticket licenziamento in attesa di modifiche, si paga entro il 17 giugno
Primo mese di applicazione del ticket per i licenziamenti di aprile e per gli arretrati da gennaio 2013.

Ticket licenziamento: Fondazione Studi critica il discutibile metodo di calcolo su anzianità e part-time 
Tabella di sintesi chi rientra e chi non rientra nell'obbligo di pagamento.

Guida all’Aspi

0
0
0
s2smodern