Venerdì, 05 Febbraio 2016 15:52

Ammortizzatori in deroga, le precisazioni del Ministero

Con la circolare n.4 del 2 febbraio 2016 il Ministero del Lavoro fa sapere che quanto disposto nel decreto sul riordino degli ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro (dlgs n. 148/2015) sulle integrazioni salariali ordinarie e straordinarie e sui fondi di solidarietà non si sovrappone a quanto disposto dal decreto interministeriale n. 83473 del 01 agosto 2014, che disciplina, invece, i criteri di concessione degli ammortizzatori sociali in deroga, sia in costanza che in caso di cessazione del rapporto di lavoro.

Nella circolare vengono illustrati i lavoratori beneficiari degli ammortizzatori in deroga, precisando i criteri di anzianità aziendale (12 mesi di anzianità dalla data di assunzione presso l’azienda che presenta la domanda) e i trattamenti previsti per gli apprendisti. Vengono indicati a seguire: il contributo addizionale per le imprese, le modalità di erogazione e il termine per il rimborso delle prestazioni, i termini per la presentazione della domanda e il rimborso per le quote di Tfr maturate. La circolare termina precisando che la Legge di Stabilità 2016 ha dettato disposizioni per la concessione e la proroga del trattamento di integrazione salariale e di mobilità in deroga, a decorrere dal 1° gennaio 2016 e fino al 31 dicembre 2016.

Notizie correlate: L'unità produttiva ai fini degli ammortizzatori - Cigs per imprese soggette a procedura concorsuale