Mercoledì, 20 Gennaio 2016 15:26

Condannato per esercizio abusivo della professione

Arriva da Pesaro l'ultima sentenza in materia di abusivismo professionale e fa seguito ad una delle innumerevoli segnalazioni che vengono effettuate per il tramite dei Consigli Provinciali, sostenuti nell'azione dal Consiglio Nazionale. L'imputato è stato condannato a un anno e dieci mesi di reclusione, oltre pene accessorie anche pecuniarie, per avere esercitato abusivamente la professione senza essere regolarmente iscritto all'Ordine. Si tratta di una delle tante decisioni che vengono assunte sul territorio dai Giudici di merito. Deve servire da monito e da esempio per tutti coloro che svolgono abusivamente la professione di consulente del lavoro, siano essi non iscritti ovvero gestiscano illecitamente Ced. Non bisogna mai dimenticare infatti che l'art.1 della legge 12/79 prevede essere professione riservata e la violazione configura la sopracitata fattispecie di reato. Il Consiglio Nazionale dell'Ordine, in uno ai Consigli Provinciali d'Italia, continua a monitorare il mercato e il web per intercettare tutti i casi di abusivismo da segnalare all'Autorità Giudiziaria.