Lunedì, 04 Gennaio 2016 10:22

Gli altri programmi per l’active ageing

A cura di Romano Benini

Il prossimo programma quadro di ricerca e sviluppo dell’UE, Horizon 2020 (che sostituirà i Programmi Quadro della Ricerca) ha tra le finalità quella di trasformare idee innovative in scoperte fondamentali che affrontino e risolvano le principali problematiche sociali, quali l’invecchiamento attivo. Nel settore delle politiche sociali, per il periodo 2014-2020, la Commissione ha poi avviato un nuovo programma "Per il cambiamento sociale e l’innovazione" (EaSI) che integrerà il programma Progress che ha finanziato attività nel campo dell’esplorazione di politiche basate sulla ricerca per la transizione dal lavoro al pensionamento e progetti di innovazione sociale.

L’invecchiamento attivo è inoltre sostenuto da un innovativo progetto di promozione del turismo sociale. Il programma Calypso mira ad agevolare il turismo nella bassa stagione, che reca vantaggi sia a specifici gruppi vulnerabili che altrimenti non sarebbero in grado di andare in vacanza, sia alle regioni che dipendono dal turismo per la crescita e l’occupazione. Anziani pensionati o con oltre 65 anni sono un target specifico dell’iniziativa.

Per quanto riguarda l’educazione degli adulti, Il programma di apprendimento permanente è stato sostituito dal programma «Erasmus +»(2014-2020). Si tratta di una proposta ambiziosa per affrontare le sfide comuni in materia di istruzione e formazione in Europa. L’istruzione degli adulti e l’apprendimento in età adulta è parte fondamentale del programma.

L’invecchiamento attivo costituisce quindi una linea guida destinata a sostenere le azioni e le iniziative che il governo e le regioni italiane devono promuovere attraverso un corretto uso dei fondi europei per il lavoro e lo sviluppo. Le tendenze demografiche ed i bisogni sociali italiani devono considerare quindi come l’impatto sull’invecchiamento attivo costituisca ormai un riferimento per valutare la capacità di sostenere politiche per lo sviluppo e per il lavoro che siano davvero efficaci.

   Vai al sito www.leggidilavoro.it