Martedì, 12 Gennaio 2021 15:38

Detrazione IVA veicoli aziendali, chiarimenti AE

In caso di concessione gratuita di autovetture aziendali in uso promiscuo ai dipendenti ma in assenza di un corrispettivo specifico addebitato al personale dipendente per l'utilizzo di tali mezzi non è possibile fruire della detraibilità integrale dell'IVA. È quanto emerge dalla risposta ad interpello n. 631 del 29 dicembre 2020 nella quale l’Agenzia delle Entrate interviene sul caso specifico richiamando l'art. 19-bis, comma 1, lettere c) e d), D.P.R. n. 633/1972 che riconosce l'ammontare di IVA detraibile relativa alle spese di acquisto e impiego dei "veicoli stradali a motore" utilizzati ad uso promiscuo solo nella misura del 40%. Nella risposta l'Agenzia fa riferimento alla risoluzione n. 6/DPF del 2008 secondo cui la detrazione totale è invece possibile nelle circostanze di: veicoli che formano oggetto dell'attività propria dell'impresa; veicoli utilizzati esclusivamente nell'esercizio dell'impresa, arte o professione; veicoli assegnati in uso promiscuo al personale dipendente ma, appunto, in presenza di addebito a carico del lavoratore del corrispettivo relativo all'uso del veicolo che solo in questo caso può considerarsi integralmente inerente all'attività di impresa.

Notizie correlate: Auto in uso a soggetti diversi dall’intestatario, ministero interno interviene - Mezzi in uso al personale, nuovi adempimenti dal 3 novembre - Automezzi in uso al personale, Ministero Trasporti interviene ancora

0
0
0
s2smodern