Venerdì, 20 Novembre 2020 16:00

Il lavoro c’è, bisogna mettere il lavoratore in condizione di sceglierlo

“La vera protezione delle persone che lavorano, o vorrebbero lavorare e non trovano il modo, dovrebbe consistere nello spianare e nel dotare della segnaletica necessaria i percorsi che conducono alle molte centinaia di migliaia di posti disponibili nel tessuto produttivo del Paese”. Da questo assunto ha preso le mosse la conversazione con il professor Pietro Ichino, autore per Rizzoli del libro “L’intelligenza del lavoro. Quando sono i lavoratori a scegliersi l’imprenditore” nella nuova puntata di Marshall. Un dialogo attraverso cui sfatare il mito della mancanza di lavoro o di possibilità di scelta da parte di coloro che un lavoro lo cercano a fronte di una reale necessità di rafforzare orientamento professionale, politiche attive del lavoro e formazione appropriata ai “giacimenti” di domanda disponibile. In conclusione, poi, per il consiglio della settimana, il FestivalFuturo, promosso da Altro Consumo, dal titolo “ReAZIONI. Il tempo delle nuove scelte” per parlaredi sostenibilità, circolarità, futuro.

Guarda la puntata

Notizie correlate: Fondazione Lavoro: oltre il 60% dei tirocini si trasforma in opportunità - Politiche attive e riqualificazione: la ricetta per ripartire - Talento e formazione, umana e professionale

0
0
0
s2smodern