Martedì, 18 Febbraio 2020 11:56

Integrazione salariale e indennità: importi massimi 2020

In attuazione di quanto previsto dal d. lgs. n. 148 del 2015, con la circolare n. 20 del 10 febbraio l’Inps rende noti i nuovi “tetti” dei trattamenti di integrazione salariale 2020, nonché la retribuzione mensile di riferimento, comprensiva dei ratei di mensilità aggiuntive, da prendere a riferimento quale soglia per l’applicazione del massimale più alto. L’art. 3 del d. lgs. n. 148, infatti, prevede che, con effetto dal 1° gennaio di ogni anno, a partire dal 2016, tali importi siano aumentati nella misura del 100% dell’aumento derivante dalla variazione annuale dell’indice Istat dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati.

Nel provvedimento, in particolare, sono indicati gli importi massimi dei trattamenti di integrazione salariale, dell’assegno ordinario e dell’assegno emergenziale per il Fondo di solidarietà del Credito, dell’assegno emergenziale per il Fondo di solidarietà del Credito Cooperativo, dell’indennità di disoccupazione NASpI, dell’indennità di disoccupazione DIS-COLL, dell’indennità di disoccupazione agricola, nonché la misura dell’importo mensile dell’assegno per le attività socialmente utili.

Notizie correlate: Fondo TFR: chiarimenti dall’Inps - ZFU Genova: istruzioni Inps su esoneri contributivi e fiscali - Brexit: chiarimenti Inps per prestazioni pensionistiche

0
0
0
s2smodern