Martedì, 19 Novembre 2019 16:58

Le Novità Normative della Settimana dall'11 al 17 novembre 2019

Adeguamento dei requisiti di accesso al pensionamento all’incremento della speranza di vita a decorrere dal 1° gennaio 2021.

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze, di concerto con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 267 del 14 novembre 2019, il Decreto 5 novembre 2019 con l’adeguamento dei requisiti di accesso al pensionamento all’incremento della speranza di vita a decorrere dal 1° gennaio 2021. Il Ministero ha  previsto di bloccare l’incremento dei requisiti per l’accesso ai trattamenti pensionistici previsto a partire dal 2021. L’età pensionabile non aumenterà nei prossimi anni, almeno fino al 31 dicembre 2022. - Link

 

INPS

Fondo di previdenza del clero Aggiornamento del contributo a carico degli iscritti

L’INPS, con la circolare n. 138 del 13 novembre 2019, rende noto che con il decreto interministeriale 7 agosto 2019 è stato rideterminato, per il 2018, il valore del contributo a carico degli iscritti al Fondo Clero. - Link

 

Fondo di solidarietà per il sostegno del reddito del personale delle aziende di trasporto pubblico

Con la circolare n. 134 del 13 novembre  2019, l’INPS illustra le modifiche apportate dal D.I. n. 102661/2019 alla disciplina del Fondo di solidarietà per il sostegno del reddito del personale delle aziende di trasposto pubblico. - Link

 

Assunzione di beneficiari del Reddito di cittadinanza. Rilascio modulo domanda

L’INPS, con il messaggio n. 4099 dell'8 novembre 2019, comunica che sarà reso disponibile entro il 15 novembre 2019 sul proprio sito, nella sezione “Portale delle Agevolazioni” , il modulo di richiesta dell’agevolazione, denominato “SRDC – Sgravio Reddito di Cittadinanza – art. 8 del d.l. n. 4/2019”. Il datore di lavoro interessato ad accedere all’incentivo dovrà inviare la domanda telematica per il riconoscimento dell’agevolazione, nonché la determinazione dell’importo e della durata. - Link

 

INAIL

Prestazioni economiche per infortunio sul lavoro e malattia professionale: settore industria, compreso il settore marittimo, agricoltura, medici esposti a radiazioni ionizzanti

L’Inail, con la circolare n. 30 dell'8 novembre 2019, rende noto che con la determina del Presidente Inail 12 giugno 2019, n. 201, si è proceduti a rivalutare, con decorrenza dal 1° luglio 2019, le prestazioni economiche per infortunio sul lavoro e malattia professionale per i settori industria, agricoltura, navigazione e medici radiologi. - Link

 

 

AGENZIA DELLE ENTRATE

Versamenti in acconto - Chiarimenti

L'Agenzia delle entrate, con la risoluzione n. 93 del 12 novembre 2019, spiega che a seguito dell'art 58 del D.L n. 124/2019 l'acconto 2019 ridotto al 90% non solo per i soggetti che esercitano attività economiche per le quali sono stati approvati gli ISA o che partecipano a società, associazioni e imprese in regime di trasparenza fiscale assoggettate a ISA, ma anche per chi adotta i regimi forfetari o di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità nonché per chi è escluso dagli ISA. - Link

 


AGENZIA DELLE ENTRATE – INTERPELLO

Risposta n. 478 dell'11 novembre 2019 - Credito di imposta per attività di ricerca e sviluppo

Il credito d’imposta spetta nella misura del 50% delle spese sostenute in eccedenza rispetto alla media degli investimenti realizzati nei tre periodi d'imposta precedenti a quello in corso al 31 dicembre 2015, purché la società venga individuata quale beneficiaria dei risultati dell'attività di ricerca. - Link

 

Risposta n. 478 dell'11 novembre 2019 - Plusvalenza derivante dalla cessione d'azienda

Plusvalenze e minusvalenze realizzate in corso di forfetario non sono fiscalmente rilevanti, pertanto, la plusvalenza derivante dalla cessione d’azienda di un contribuente con un volume d’affari che gli consente di usufruire del regime agevolato, non va tassata. Resta fuori dall’agevolazione solo il corrispettivo imputabile all’avviamento. - Link

 

Risposta n. 480 dell'11 novembre 2019 - Trattamento fiscale dei costi sostenuti per l'acquisto dei terreni e per la costituzione a tempo determinato del diritto di superficie o di usufrutto su terreni altrui

La società non può ammortizzare l’acquisto dei diritti di proprietà dei terreni affittati per l’installazione di infrastrutture. È invece deducibile la spesa sostenuta per l’acquisizione a tempo determinato del diritto di usufrutto o di superficie su terreni altrui utilizzati per lo stesso scopo. In quest’ultimo caso i costi concorrono alla determinazione del reddito pro rata temporis per la durata del contratto. - Link

 

Risposta n. 483 del 13 novembre 2019 -  Trattamento fiscale dei compensi spettanti ai giudici tributari

I compensi dovuti ai giudici tributari maturati in precedenti periodi di imposta ed erogati nei tempi ordinariamente necessari per l'espletamento della procedura di liquidazione, tempi che determinerebbero l'erogazione delle somme ad intervalli regolari, devono essere assoggettati a tassazione ordinaria. Quando invece il ritardo nei pagamenti  è attribuibile a cause “giuridiche” o “non fisiologiche” la tassazione è separata. - Link

 

Risposta n. 484 del 13 novembre 2019 – regime forfettario

I consulenti finanziari che svolgono per una società attività di lavoro autonomo, in forza di un “contratto misto”, sottoscritto il 1° febbraio 2017 - quindi prima delle modifiche apportate alla disciplina del regime forfetario dalla legge n. 145/2018 e dal Dl n. 135/2018 -, in assenza di un preesistente rapporto di lavoro dipendente con la stessa società e se in possesso dei requisiti richiesti, possono applicare il regime forfetario. - Link

 

Risposta n. 485 del 14 novembre 2019 – Credito di imposta ricerca e sviluppo

E' ammessa al credito d’imposta “Ricerca e Sviluppo” la remunerazione corrisposta a un tecnico responsabile dei servizi nell’area agronomica, sulla base di un contratto di “distacco”. Il tecnico che temporaneamente presta la propria attività lavorativa presso una consociata che si occupa di ricerca, per il periodo contrattuale, è a tutti gli effetti un suo dipendente. - Link

 

Risposta n. 486 del 14 novembre 2019 – Certificazione dei corrispettivi relativi alle prestazioni di servizio rese da ristoranti e alberghi

Nel caso di servizi resi da ristoranti e alberghi se le prestazioni sono acquistate direttamente dal cliente cui sono rese, l’operazione va certificata fino al 31 dicembre 2019 tramite scontrino o ricevuta fiscale, dal 1° gennaio 2020 attraverso la trasmissione telematica dei corrispettivi; quando i servizi sono acquistati dalle agenzie di viaggio il corrispettivo deve essere documentato con fattura. - Link

 

Risposta n. 488 del 15 novembre 2019 -  Regime opzionale tassazione di gruppo ai fini IRES

La scelta opzionale della tassazione di gruppo nella dichiarazione presentata nei termini e l’adozione di comportamenti coerenti delle parti portano al via libera, da parte dell’amministrazione finanziaria, all’adozione del consolidato fiscale, se con una successiva integrativa si è fatto posto a una nuova consolidata. - Link

 

Risposta n. 489 del 15 novembre 2019 - vendite al dettaglio da parte degli istituti vendite giudiziarie – obbligo di certificazione dei corrispettivi

I corrispettivi derivanti dalla vendita al dettaglio dei beni mobili delle procedure esecutive e concorsuali, realizzati dall’Istituto vendite giudiziarie, anche se ceduti tramite aggiudicazione in blocco, vanno memorizzati elettronicamente. Tra le attività esonerate dall’emissione dello scontrino elettronico, quella in argomento non è contemplata. - Link

 

AGENZIA DELLE ENTRATE – PRINCIPIO DI DIRITTO

Lotto di fatture elettroniche scartato dallo SdI – Omessa fatturazione – Sanzioni applicabili - Link

L’Agenzia delle Entrate riepiloga, con il principio di diritto n. 23 dell'11 novembre 2019il regime sanzionatorio applicabile in caso di scarto delle fatture elettroniche da parte del Sistema di Interscambio.

Infatti, la fattura elettronica o le fatture del lotto di cui al file scartato dal SdI si considerano non emesse.

La mancata o tardiva emissione della fattura nei termini legislativamente previsti comporta, in primis, l’applicazione delle sanzioni di cui all’art. 6, D.Lgs. n. 471/1997 ossia, per ciascuna violazione:

  • fra il 90 e il 180% dell’imposta relativa all’imponibile non correttamente documentato, con un minimo di 500 euro
  • da 250 a 2mila euro se la violazione non ha inciso sulla corretta liquidazione del tributo

 


AGENZIA DELLE ENTRATE – PRINCIPIO DI DIRITTO

Consulenza giuridica n. 19 del 14 novembre 2019 -  Chiarimenti circa il corretto adempimento dell'obbligo di tracciabilità dei pagamenti relativi agli acquisti di carburante per autotrazione.

l rapporto di conto corrente, instaurato tra un ente associativo e le imprese di autotrasporto consociate, in base al quale si realizza un meccanismo di compensazione tra i debiti delle imprese per gli acquisti di carburante effettuati dal “consorzio”, e i crediti che queste ultime vantano nei confronti dell’ente per i servizi di trasporto resi per suo conto, non costituisce inadempimento dell'obbligo di tracciabilità dei pagamenti relativi alle cessioni di carburanti per autotrazione.
Il pagamento del saldo risultante dagli importi non compensati a favore di uno dei due soggetti del rapporto è, infatti, comunque effettuato con mezzi tracciabili. Inoltre, tutte le operazioni oggetto di compensazione, a decorrere dal 2019, sono documentate con fattura elettronica. - Link

0
0
0
s2smodern