Giovedì, 20 Aprile 2017 07:55

Sacconi: la mia proposta per regolamentare il lavoro breve

Nel corso della seduta del 19 aprile in Senato per la conversione in legge del decreto-legge n. 25/2017, già approvato dalla Camera dei deputati, sull'abrogazione dei voucher per il lavoro accessorio, il presidente della Commissione lavoro del Senato, Maurizio Sacconi, ha presentato una proposta di legge mirata a colmare il vuoto normativo venutosi a creare a seguito della cancellazione dei buoni lavoro.

Ai microfoni della nostra web tv, Sacconi ha illustrato brevemente il suo disegno di legge che regolamenta il lavoro breve, elaborato assieme ai relatori Hans Berger, Franco Panizza e Giancarlo Serafini. Si tratta di un testo che regolarizza, attraverso il ricorso ad una forma di lavoro semplice, quelle prestazioni occasionali brevi ripetute dallo stesso lavoratore nell'arco temporale di un anno. La comunicazione all'Inps avverrebbe su una specifica piattaforma telematica per regolare prestazioni che non superino i 900 euro in un anno con lo stesso committente. Prestazioni, sottolinea Sacconi, che rientrino nei 10 euro l'ora, da erogare direttamente dal committente al prestator2e con modalità tracciabile, e che siano soggette ad un pagamento agevolato per quanto riguarda gli adempimenti contributivi ed assicurativi. "Una regolazione semplice, - ha spiegato Sacconi - e neutrale dal punto di vista fiscale e degli indicatori di reddito. Questo è l'unico modo per far emergere spezzoni che sarebbero condannati al sommerso".

Guarda l'intervista

Notizie correlate: Sacconi, detassare tutto il lavoro - Le relazioni di prossimità nel lavoro 4.0

Rassegna stampa: Il Sole 24 Ore del 20.04Italia Oggi del 20.04

Rassegna web: adnkronos.com - ildubbio.news - liberoquotidiano.it - siciliainformazioni.com

 

0
0
0
s2smodern