Martedì, 02 Marzo 2021 15:00

Servizi PA solo con Spid e CIE. Le criticità per i professionisti

Dal 28 febbraio tutti i servizi online delle Pubbliche Amministrazioni sono a portata di Spid e di carta d'identità elettronica (CIE). Una novità che non convince del tutto i professionisti, specie per le attività seriali come l'invio delle dichiarazioni, sebbene questi ultimi non sono ad oggi direttamente coinvolti da questa novità ma prossimamente - secondo un calendario da fissare con un prossimo decreto - dovranno abbandonare le credenziali che attualmente utilizzano. Ad intervenire su criticità e possibili soluzioni è il Vice Presidente del Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Consulenti del Lavoro, Francesco Duraccio, in un articolo pubblicato sul Sole 24 Ore del 1° marzo 2021, suggerendo il ricorso alle porte di dominio.  Si tratta - spiega - di "un'interfaccia che già utilizziamo per l’Inps e l’Inail e che consente, una volta entrati con Spid, di associare l’utenza alla nostra qualifica professionale e, dunque, ci permette di navigare nelle sezioni dei siti riservate ai professionisti e di fare tutte le operazioni anche per conto dei clienti" anche se resta da risolvere il problema delle multiutenze, così da consentire ai collaboratori di studio di svolgere determinate operazioni online.

Notizie correlate: Entrate: dal 1° marzo accesso con Spid, Cie e Cns - Inail: dal 28 febbraio accesso ai servizi solo con Spid, Cie, Cns - Calderone: posticipare introduzione SPID per servizi digitali INAIL

0
0
0
s2smodern