Lunedì, 14 Dicembre 2020 10:00

Videosorveglianza sul lavoro: le FAQ del Garante

Il datore di lavoro può installare telecamere di videosorveglianza nelle sedi di lavoro? Occorre avere una autorizzazione? Va fornita un'informativa agli interessati e, se sì, come? Quali sono i tempi dell'eventuale conservazione delle registrazioni? Sono solo alcuni dei quesiti a cui rispondono le FAQ del Garante per la protezione dei dati personali in relazione alle nuove previsioni introdotte dalla normativa europea ma anche alle risposte fornite a reclami, segnalazioni, interrogativi ricevuti. L'Autorità chiarisce, ad esempio, che per l'istallazione di sistemi di rilevazione delle immagini non è prevista alcuna autorizzazione, che gli interessati devono essere sempre informati che stanno per accedere in una zona videosorveglianza, a prescindere dal fatto che chi tratti i dati sia un soggetto pubblico o privato, e che l'informativa può essere fornita utilizzando un modello semplificato (anche un semplice cartello) che deve contenere, tra le altre informazioni, le indicazioni sul titolare del trattamento e sulla finalità perseguita.

Notizie correlate: RdC: ok del Garante privacy a incrocio dati per controlli Inps - Videosorveglianza: consenso dei lavoratori e intervento ispettivo

0
0
0
s2smodern