Mercoledì, 09 Dicembre 2020 15:08

Le Novità Normative della Settimana dal 30 novembre al 6 dicembre 2020

Decreto ristori quater

È stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 297 del 30 novembre 2020, il Decreto legge n. 157 del 30 novembre 2020 (cd. Decreto “Ristori quater”) con ulteriori misure urgenti connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Il decreto è in vigore dal 30 novembre 2020.

Di particolare interesse la disposizione contenuta nell’articolo 13 cheinclude nei trattamenti di integrazione salariale anche i lavoratori in forza alla data del 9 novembre 2020.

Il testo interviene con uno stanziamento aggiuntivo di risorse, pari a 8 miliardi, conseguenti al nuovo scostamento di bilancio, per rafforzare ed estendere le misure necessarie al sostegno economico dei settori più colpiti dalla pandemia, nonché con ulteriori disposizioni connesse all’emergenza in corso.

Di seguito le principali misure introdotte.

E prorogato il versamento del secondo acconto di Irpef, Ires e Irap viene prorogato dal 30 novembre al 10 dicembre per tutti i soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione.

È prevista la sospensione dei contributi previdenziali, dei versamenti delle ritenute alla fonte e dell’Iva che scadono nel mese di dicembre per tutte le imprese con un fatturato non superiore a 50 milioni di euro nel 2019 e che hanno registrato un calo del 33% del fatturato nel mese di novembre 2020 rispetto allo stesso mese del 2019. Sono sospesi i versamenti anche per chi ha aperto l’attività dopo il 30 novembre 2019. La sospensione si applica inoltre a tutte le attività economiche che vengono chiuse a seguito del Dpcm del 3 novembre, per quelle oggetto di misure restrittive con sede nelle zone rosse, per i ristoranti in zone arancioni e rosse, per tour operator, agenzie di viaggio e alberghi nelle zone rosse.

Il termine per la presentazione della dichiarazione dei redditi e dell’Irap viene prorogato dal 30 novembre al 10 dicembre 2020.

Inoltre è prevista la proroga dei termini delle definizioni agevolate prevista dal decreto “Cura Italia” (decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18) viene estesa dal 10 dicembre 2020 al primo marzo 2021. In tal modo, si estende il termine per pagare le rate della “rottamazione-ter” e del “saldo e stralcio” in scadenza nel 2020, senza che si incorra nell’inefficacia della definizione agevolata.

La platea delle attività oggetto dei contributi a fondo perduto si amplia ulteriormente con l’ingresso di diverse categorie di agenti e rappresentanti di commercio.

Viene erogata una nuova indennità una tantum di 1.000 euro gli stagionali del turismo, degli stabilimenti termali e dello spettacolo danneggiati dall’emergenza epidemiologica da COVID-19, e ad altre categorie, tra i quali gli iscritti al Fondo pensioni lavoratori dello spettacolo in possesso di determinati requisiti, gli stagionali appartenenti a settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimenti termali che hanno cessato il rapporto di lavoro involontariamente, gli intermittenti e gli incaricati di vendite a domicilio. È incrementata di 95 milioni la dotazione del Fondo unico per il sostegno delle associazioni sportive e società sportive.

Per il mese di dicembre è erogata da Sport e Salute Spa, un’indennità di 800 euro per i lavoratori del settore sportivo. Si tratta dei lavoratori del mondo dello sport titolari di rapporti di collaborazione con il Coni, il Comitato Italiano Paralimpico, le Federazioni Sportive Nazionali, le Discipline Sportive Associate, gli Enti di Promozione Sportiva e le Società e Associazioni sportive dilettantistiche, riconosciuti dal Coni e dal Comitato Paralimpico.

 

In Gazzetta il nuovo decreto legge che limita gli spostamenti

È stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 2 dicembre 2020, il Decreto Legge n. 158, con disposizioni urgenti per fronteggiare i rischi sanitari connessi alla diffusione del virus COVID-19.

Il decreto è in vigore il 3 dicembre 2020.

In particolare, la disposizione prevede che:

  • dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021 è vietato, nell’ambito del territorio nazionale, ogni spostamento in entrata e in uscita tra i territori di diverse Regioni o Province autonome,
  • nelle giornate del 25, 26 dicembre 2020 e 1° gennaio 2021 è vietato ogni spostamento tra Comuni.

Sono fatti salvi gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute.

È comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione, con esclusione degli spostamenti verso le seconde case ubicate in altra Regione o Provincia autonoma e, nelle giornate del 25 e 26 dicembre 2020 e del 1° gennaio 2021, anche ubicate in altro Comune, ai quali si applicano i predetti divieti.

 

In vigore il DPCM del 3 dicembre

È stato pubblicato sulla  Gazzetta ufficiale n. 300 del 3 dicembre 2020, il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 3 dicembre 2020 recante ulteriori misure per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19.

Il nuovo DPCM resterà in vigore 50 giorni (fino al 15 gennaio 2021) ha una struttura analoga a quella del DPCM 3/11/2020 costituita da 14 articoli in cui sono definite le limitazioni per tutto il territorio nazionale definito zona gialla e:

  • per quelle Regioni che caratterizzate da uno scenario di elevata gravità e da un livello di rischio alto sono definite come nel precedente DPCM zone arancioni;
  • per quelle Regioni che caratterizzate da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto sono definite come nel precedente DPCM zone rosse.

 


INPS

Rilevazione delle retribuzioni contrattuali degli operai agricoli

 

L’INPS, con la circolare n. 138 del 3 dicembre 2020, comunica le retribuzioni contrattuali degli operai a tempo determinato (O.T.D.) e degli operai a tempo indeterminato (O.T.I.) del settore agricolo, in vigore alla data del 30 ottobre 2020, per la determinazione delle retribuzioni medie salariali, determinate annualmente con decreto del Ministero del Lavoro.

 

Indennità Ristori. Prime indicazioni

Con il messaggio n. 4589 del 4 dicembre 2020, l’INPS rende noto le prime indicazioni per la presentazione delle domande per l’accesso alle indennità una tantum Covid-19, introdotte dal decreto Ristori, a favore di alcune categorie di lavoratori tutelati.

L’Istituto provvederà ad erogare automaticamente – senza che si richieda la presentazione di apposita domanda qualora i beneficiari siano stati già beneficiari dell’indennità Covid-19.

 

Cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo. Proroga dei termini per la presentazione della dichiarazione reddituale

L’INPS, con il messaggio n. 4600 del  4 dicembre 2020, recepisce le indicazioni del decreto Ristori secondo cui i titolari di pensione, con decorrenza compresa entro il 2019, soggetti al divieto di cumulo parziale della pensione con i redditi da lavoro autonomo, avranno perciò tempo fino al 10 dicembre 2020 per comunicare all'Istituto i redditi da lavoro autonomo conseguiti lo scorso anno.

 


ISPETTORATO NAZIONALE DEL LAVORO

Condizioni di ingresso e soggiorno dei dirigenti, lavoratori specializzati, lavoratori in formazione di Paesi terzi nell'ambito di trasferimenti intra-societari

 

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro, con la nota n. 1057 del 30 novembre 2020, fornisce  chiarimenti  concernente le condizioni di ingresso e soggiorno dei dirigenti, lavoratori specializzati, lavoratori in formazione provenienti da Paesi terzi nell’ambito di trasferimenti intra-societari.

Per trasferimento intrasocietario deve intendersi il distacco temporaneo di uno straniero da parte di un’azienda stabilita in un Paese terzo presso l’entità ospitante, intesa quale:

  • sede/filiale/rappresentanza situata  in  Italia,  dell’impresa  da  cui  dipende  il   lavoratore trasferito;
  • impresa appartenente al medesimo gruppo di imprese

 

Organizzazione del lavoro per gli addetti ai servizi di vigilanza privata

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro, con la nota n. 1062 del 30 novembre 2020, interviene in merito alla possibilità di applicare al settore della vigilanza privata la disciplina sanzionatoria di cui all’art. 18 bis del D.lgs 66/2003

L’organizzazione dell’orario di lavoro del settore della vigilanza privata, comprensiva della disciplina delle ferie, dei riposi e delle pause dal lavoro, trova la propria regolamentazione esclusivamente nella fonte contrattuale.

 Pertanto l'Ispettorato afferma che l’esclusione dall’ambito di applicazione del D:lgs 66/2003 va confermata anche in relazione al regime sanzionatorio previsto dall’art. 18 bis del medesimo decreto, ferma restando la piena utilizzabilità del nuovo potere di disposizione di cper indurre il datore di lavoro al rispetto di obblighi che trovano la propria fonte esclusiva nella contrattazione collettiva.

 

 

ANPAL

Fondo nuove competenze aggiornate le FAQ

L'Anpal in data 2 dicembre 2020 aggiornale FAQ relative al Fondo Nuovo Competenze.

 l'Agenzia specifica la casella pec attraverso cui si svolgeranno le attività di soccorso istruttorio, elencando in forma sintetica i contenuti da descrivere per la redazione degli accordi collettivi di rimodulazione dell’orario di lavoro e gli ambiti relativi alle modalità di svolgimento e la stesura del progetto per lo sviluppo delle competenze, oltre a sottolineare che non possono presentare istanza di contributo le aziende partecipate al 100% dallo Stato o da Enti pubblici. Incluse in questo ultimo aggiornamento anche le precisazioni sull’attestato di frequenza eventualmente presentato, che deve includere le competenze acquisite nelle Regioni in cui non è ancora attuato un sistema di certificazione e l’aggiunta del premio di produzione tra le voci non rimborsabili dal FNC.

 


AGENZIA DELLE ENTRATE

Trattamento IVA -Servizi sostitutivi di mensa aziendale resi a mezzo di buoni pasto

L'Agenzia delle entrate, con la risoluzione n. 75 del 1 dicembre 2020, ha affermato che la corretta base imponibile dei servizi sostitutivi di mensa aziendale resi a mezzo di buoni pasto, nel rapporto contrattuale tra società emittente il ticket restaurant e il datore di lavoro, che sconta l’Iva al 4%, è costituita dal prezzo pattuito tra le parti, a prescindere che sia superiore uguale o inferiore al valore facciale del buono. Nel rapporto contrattuale tra l’emittente e la mensa aziendale/interaziendale che accetta il buono, da assoggettare ad aliquota al 10%, invece, deve essere considerata, ai fini della base imponibile, la percentuale dello "sconto incondizionato" applicato dalle società di emissione dei ticket.

 

Lampedusa e Linosa: pronto il modello per la comunicazione dei versamenti agevolati

In vista della ripresa dei versamenti fiscali, contributivi e assistenziali nel comune di Lampedusa e Linosa, fissata dal Decreto legge “Agosto” al prossimo 21 dicembre, l'Agenzia dell'entrate con il provvedimento del 1 dicembre 2020 e approva il modello di comunicazione, con le relative istruzioni, utile per accedere all’agevolazione che consente, ai contribuenti del territorio di confine, di pagare solo il 40% del dovuto. Con l’occasione, stabiliti anche termini e modalità di presentazione.

 

Codice tributo per l'Impi

Con la risoluzione n. 77 del 2 dicembre 2020 dell'Agenzia delle entrate viene istituito il codice tributo “3970” per il versamento, tramite modello F24, dell'imposta per le piattaforme marine (Impi).

Solo per il 2020, il pagamento dell'imposta immobiliare sulle piattaforme marine è effettuato in un'unica soluzione, entro il 16 dicembre, allo Stato, che attribuirà la quota spettante ai Comuni.

 

Somme dovute in relazione alla registrazione degli atti pubblici e delle scritture private autenticate

Con la risoluzione n. 77 del 2 dicembre 2020 l'Agenzia delle entrate istituisce i codici tributo per il versamento delle somme dovute per la registrazione degli atti pubblici e delle scritture private autenticate, e l’imposta sulle donazioni  e quelli per i relativi eventuali interessi e sanzioni.

 

Credito d’imposta spettante per l’anno2020 alle fondazioni di origine bancaria

Con provvedimento del 3 dicembre 2020, l'Agenzia delle entrate ha stabilito la percentuale, in base alla quale è determinato il credito d’imposta spettante per l’anno 2020 alle fondazioni di origine bancaria (Fob), in relazione ai versamenti effettuati al fondo unico nazionale (Fun) entro il 31 ottobre 2020. Per il 2020 è pari al 19,8704 per cento.

 


AGENZIA DELLE ENTRATE –  INTERPELLO

Risposta n.  566 del 4 dicembre 2020 – natura giuridica delle somme versate in sede di definizione agevolata

Nell’ambito della rottamazione ter e nell’ipotesi di omesse ritenute su interessi, la definizione agevolata non modifica la natura delle imposte definite, ma ne modifica il quantum in base alla riduzione forfetaria accordata secondo legge.

le controversie tra sostituto d'imposta e sostituito, relative al legittimo e corretto esercizio del diritto di rivalsa delle ritenute alla fonte versate direttamente dal sostituto, volontariamente o coattivamente, non sono attratte alla giurisdizione del Giudice tributario, ma rientrano nella giurisdizione del Giudice ordinario.

 

Risposta n.  567 del 4 dicembre 2020 - rivalutazione di una partecipazione ceduta nel "periodo di sospensione" -modalità di utilizzo del credito d'imposta

Un credito d'imposta maturato a seguito della cessione a titolo oneroso di una partecipazione rivalutata attraverso il pagamento dell’imposta sostitutiva, potrà essere recuperato tramite la presentazione della dichiarazione annuale da cui emerge il credito stesso.

Deve essere indicato nel quadro RN del modello SC 2020, perché concorra alla liquidazione dell'Ires di periodo, eventualmente dando origine a un’eccedenza a credito da utilizzare in compensazione.

0
0
0
s2smodern