Mercoledì, 25 Novembre 2020 17:05

Donne, Calderone: “Integrazione lavorativa per combattere violenza”

“L’integrazione lavorativa femminile vuol dire rendere le donne più libere, più forti, meno fragili e meno esposte a quelle violenze che spesso ci fanno commentare dei fatti di cronaca assolutamente terribili”. A sintetizzare dal punto di vista del mondo del lavoro il messaggio della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne 2020, la Presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine, Marina Calderone, intervenendo a “Economia24” su Rainews24.

“La crisi – ha sottolineato - mette in evidenza la fragilità del nostro mercato del lavoro e l’assenza di vere politiche di integrazione lavorativa per le donne”.  Allarmante in particolare “il dato del numero delle donne inattive, donne che non cercano lavoro, che rinunciano ad un’occupazione” fra le quali “c’è una preoccupante componente di giovani donne”. Occorre dunque utilizzare al meglio le importanti risorse del Recovery Fund, superando l’impasse che deriva dalla concorrenza Stato-Regioni in materia di politiche per il lavoro e intervenendo subito con “politiche di integrazione e di conciliazione” che guardino anche “alla componente del lavoro autonomo che è quella meno protetta” ed è stata interessata solo in minima parte dai decreti emergenziali.

Notizie correlate: Calderone: posticipare introduzione SPID per servizi digitali INAIL - Calderone: nessuna applicazione degli ISA per il 2020 - Calderone: moratoria sulle sanzioni per i professionisti positivi al Covid-19

0
0
0
s2smodern