Giovedì, 19 Novembre 2020 11:13

Tax Day, chi ha diritto al rinvio al 30 aprile?

Chi ha diritto al rinvio dei termini di versamento della seconda o unica rata dell'acconto delle imposte sui redditi e dell'Irap dovuti per il 2020? A chiarire la platea dei soggetti che potranno usufruire della proroga al 30 aprile e le condizioni del rinvio, previste dal cosiddetto Ristori bis approvato con il D.L. n. 149/2020 in vigore dallo scorso 9 novembre, è la Fondazione Studi Consulenti del Lavoro in un articolo pubblicato sul corriere.it del 18 novembre. Ad essere interessati, in particolare, i titolari di partita Iva che esercitano attività economiche per i quali sono stati approvati gli ISA operanti in zona rossa, nei settori economici individuati negli allegati 1 e 2 del Ristori bis e in zona arancione, esercenti l’attività di gestione di ristoranti, con il differimento esteso anche ai soggetti forfettari e minimi nonché ai soci di società di persone e soci trasparenti in srl. “È un intervento a dir poco dovuto, visto che si tratta di soggetti a cui è stata chiusa all’improvviso l’attività e non potranno dunque fare fronte ai prossimi pagamenti. Ma il problema non si risolverà senza interventi mirati”, commenta il Presidente della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, Rosario De Luca. “Infatti, - continua - la medesima condizione si realizzerà in primavera, a meno di clamorosi sbalzi dell’economia”. Tra le criticità evidenziate dall’articolo si segnalano, inoltre, le categorie che rimangono fuori dalla proroga come i professionisti (anche se in zona rossa) e quelle per cui continua ad applicarsi quanto previsto dal decreto Agosto con il requisito della diminuzione del fatturato o dei corrispettivi di almeno il 33% nel primo semestre 2020 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Notizie correlate: Le scadenze rinviate dal DL "Ristori bis" - Le sospensioni tributarie e contributive del “Ristori bis”

0
0
0
s2smodern