Mercoledì, 18 Novembre 2020 16:50

Premio nascita per gravidanze gemellari o adozioni plurime

Con messaggio n.4252 del 13 novembre 2020, l'Inps fornisce chiarimenti per la presentazione della domanda di premio alla nascita in caso di gravidanze gemellari o di affidamento o adozioni plurimi. L'Istituto ricorda che il “premio alla nascita” è un beneficio economico di 800 euro riconosciuto, su domanda, alla futura madre al compimento del settimo mese di gravidanza ovvero alla nascita o al momento dell’affidamento o dell’adozione di minorenne (cfr. l’articolo 1, comma 353, della legge 11 dicembre 2016, n. 232), rinviando alle circolari n. 39 del 2017 e n. 61 del 2017 per le indicazioni di carattere generale sulla prestazione e precisazioni sui requisiti. Nel caso di gravidanza plurima, per ottenere la liquidazione del premio per ciascun figlio, la richiedente può presentare domanda: al compimento del settimo mese, selezionando l’evento: “Compimento del 7° mese di gravidanza (ovvero dall’inizio dell’8° mese di gravidanza)”. In questo caso, in esito al parto gemellare, la richiedente dovrà poi presentare un’altra domanda con le informazioni relative a tutti i gemelli; a parto avvenuto, selezionando l’evento: “Nascita avvenuta (anche se antecedente all’inizio dell’8° mese di gravidanza)” e indicando direttamente il codice fiscale di tutti i gemelli. L'Istituto fornendo alcuni esempi pratici specifica che, nel primo caso, se la domanda volta a richiedere il premio per la gravidanza viene accolta, può essere liquidata una sola quota di 800 euro. Le altre quote potranno essere erogate, per ciascun figlio, a seguito della seconda domanda che l’interessata dovrà presentare a parto avvenuto, indicando il codice fiscale di tutti i gemelli. Nel secondo caso, invece, in caso di accoglimento della domanda, possono essere corrisposte tante quote da 800 euro quanti sono i gemelli i cui codici fiscali sono indicati nella domanda. Infine, in caso di affidamento o adozione plurimi, anche gemellari, spettano, in presenza dei requisiti, tante quote da 800 euro quanti sono i minorenni adottati o affidati. In tali ipotesi, in base alla situazione che ricorre, è possibile selezionare l’evento “Adozione nazionale”, “Adozione internazionale”, “Affidamento preadottivo nazionale” o “Affidamento preadottivo internazionale”, inserendo in un’unica domanda le informazioni di tutti i minorenni adottati o affidati oppure, a scelta della richiedente, presentando una domanda per ogni minorenne adottato o affidato.

Notizie correlate: INL: oltre 37mila mamme rinunciano al lavoro - Congedo parentale: le novità del Decreto “Rilancio” - Bonus Mamme: oltre 100 mila domande

0
0
0
s2smodern