Mercoledì, 04 Novembre 2020 10:03

Test sierologici sui dipendenti esclusi dal credito d'imposta del D.L. Rilancio

L’Agenzia delle Entrate, con la risposta ad interpello n. 510 del 2 novembre 2020, specifica che le spese sostenute per eseguire test sierologici sul personale dipendente non rientrino tra quelle ammissibili al credito d'imposta di cui all'articolo 125 del decreto Rilancio. L’articolo in questione, infatti, riconosce tale credito per la sanificazione e l'acquisto di dispositivi di protezione e di altri dispositivi atti a garantire la salute dei lavoratori e degli utenti. Come già chiarito con la circolare n. 10/E del 20 luglio 2020, contenente un elenco di fattispecie riferibili alle spese agevolabili, l'Agenzia ricorda che rientrano nell'ambito applicativo del credito d'imposta le spese per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti utilizzati nell'ambito dell'attività di impresa, l'acquisto di dispositivi di protezione individuale, l'acquisto di prodotti detergenti e disinfettanti, l'acquisto di dispositivi di sicurezza quali termometri, termo scanner, tappeti e vaschette decontaminanti e igienizzanti e l'acquisto di dispositivi atti a garantire la distanza di sicurezza interpersonale. Alla luce di quanto precisato, le spese sostenute per effettuare test sierologici sui dipendenti, non essendo riferibili né all'attività di sanificazione, né all'acquisto di dispositivi di protezione individuale e di altri dispositivi atti a garantire la salute di lavoratori e utenti, restano escluse dal credito d'imposta.

Notizie correlate: Bonus sanificazione: istituito codice tributo - Bonus sanificazione, escluse dal credito le spese di consulenza sulla sicurezza Bonus sanificazione: ridotto l'incentivo per le imprese

0
0
0
s2smodern