Mercoledì, 30 Settembre 2020 16:52

Lavoro irregolare: codici tributo per versamento contributi forfettari

L'Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 58/E del 25 settembre 2020, istituisce i codici tributo per il versamento, tramite il modello “F24 Versamenti con elementi identificativi”, dei contributi forfettari dovuti per l’emersione del lavoro irregolare, ai sensi dell’art. 103, comma 7, del D.L. n. 34/2020, convertito con modificazioni, dalla Legge n. 77/2020. Il Decreto interministeriale del 7 luglio 2020, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 223 dell'8 settembre scorso aveva già stabilito le somme dovute a titolo di contributo forfetario, per ciascun mese o frazione di mese, per i diversi settori di attività.
I codici tributo - si legge - sono i seguenti: “CFZP” denominato “Contributo forfettario 300 euro - emersione lavoro irregolare - settori agricoltura, allevamento e zootecnia, pesca e acquacoltura e attività connesse - DM 7 luglio 2020; “CFAS” denominato “Contributo forfettario 156 euro - emersione lavoro irregolare - settori assistenza alla persona - DM 7 luglio 2020”; “CFLD” denominato “Contributo forfettario 156 euro - emersione lavoro irregolare - settore lavoro domestico e sostegno al bisogno familiare - DM 7 luglio 2020”. Nella risoluzione, inoltre, le istruzioni per compilare il citato modello F24. In particolare, nella sezione "Contribuente" sono indicati i dati anagrafici e il codice fiscale del datore di lavoro. Nella sezione "Erario e altro", invece: nel campo "tipo" la lettera "R"; nel campo "elementi identificativi" il codice fiscale del lavoratore; nel campo "codice" i predetti codici tributo; nel campo "importi a debito versati" il contributo forfetario dovuto, secondo le disposizioni del citato Decreto interministeriale.

Notizie correlate: Emersione rapporti di lavoro irregolare: i possibili risvolti penali - Emersione lavoro irregolare: adempimenti per i datori di lavoro - Gli indici "rivelatori" dello sfruttamento del lavoratore

0
0
0
s2smodern