Lunedì, 29 Giugno 2020 16:30

Le Novità Normative della Settimana dal 22 al 28 giugno 2020

Determinazione del calendario delle festività ebraiche per l'anno 2021

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 24 giugno 2020 n. 158 il Comunicato del Ministero degli interni con il calendario delle festività ebraiche per l'anno 2021.

In queste date i lavoratori di tale confessione religiosa hanno il diritto di astenersi dal lavoro e di percepire il trattamento corrispondente per le festività civili e religiose previste per la generalità dei lavoratori

 

INPS

Estensione delle indennità NASpI e DIS-COLL. Promozione del lavoro agricolo

L'INPS, con la circolare n. 76 del 23 giugno 2020, l’INPS comunica le regole da seguire, per beneficiare del prolungamento di Naspi e DisColl.

I requisiti fondamentali che danno diritto alla proroga della Naspi e della Discoll

  • il periodo di fruizione deve terminare tra il 1° marzo 2020 e il 30 aprile 2020;
  • il beneficiario non deve aver avuto accesso ad altre forme di bonus e contributi inseriti nel DL Cura Italia e dal Decreto Rilancio stesso.

L’importo delle mensilità aggiuntive è pari all’importo dell’ultima mensilità spettante per la prestazione originaria.

I percettori di ammortizzatori sociali, limitatamente al periodo di sospensione a zero ore della prestazione lavorativa, nonché i percettori di indennità NASpI e DIS-COLL e di Reddito di cittadinanza possono stipulare con datori di lavoro del settore agricolo contratti a termine non superiori a 30 giorni, rinnovabili per ulteriori 30 giorni, senza subire la perdita o la riduzione dei benefici previsti, nel limite di 2.000 euro per l’anno 2020

 

Tutela del periodo di sorveglianza attiva dei lavoratori del settore privato

L’INPS con il messaggio n. 2584 del 24 giugno 2020, pubblica le istruzioni per il riconoscimento della tutela previdenziale della malattia durante il periodo di sorveglianza attiva per Coronavirus dei lavoratori dipendenti del settore privato

Il lavoratore deve produrre il certificato di malattia attestante il periodo di quarantena nel quale il medico curante dovrà indicare gli estremi del provvedimento emesso dall’operatore di sanità pubblica, redatto sin dal primo giorno di malattia in modalità telematica. Nei casi residuali di certificato emesso in modalità cartacea, lo stesso dovrà essere trasmesso all’Inps nel termine dei due giorni previsti dalla normativa di riferimento.

 

Assistenza fiscale 2020. Verifica dei conguagli fiscali di cui al prospetto 730/4

L’INPS, con il messaggio n. 2568 del 24 giugno 2020, rende noto che i contribuenti muniti del PIN dell’Istituto, che hanno indicato l’INPS quale sostituto d’imposta per l’effettuazione dei conguagli del modello 730/2020, possono verificare le risultanze contabili della dichiarazione ed i relativi esiti attraverso il servizio“Assistenza fiscale (730/4): servizi al cittadino”, presente sul sito istituzionale www.inps.it.

 


ISPETTORATO NAZIONALE DEL LAVORO

Licenziamento per inidoneità sopravvenuta alla mansione

L’Ispettorato nazionale del lavoro, con la nota prot. n. 298 del 24 giugno 2020,ha precisato che l’ipotesi di licenziamento per inidoneità sopravvenuta alla mansione deve essere ascritta alla fattispecie del licenziamento per giustificato motivo oggettivo, atteso che la citata inidoneità impone al datore di lavoro la verifica in ordine alla possibilità di ricollocare il lavoratore in attività diverse riconducibili a mansioni equivalenti o inferiori, anche attraverso un adeguamento dell’organizzazione aziendale.

 

 

INAIL

Apertura del servizio online Comunicazione sospensioni/recuperi agevolati COVID-19

L'INAIL comunica con la nota del 24 giugno 2020, che è disponibile il nuovo servizio online Comunicazione sospensioni/recuperi agevolati Covid-19, che consente ai soggetti interessati di comunicare all'Istituto le sospensioni di cui hanno beneficiato durante il periodo emergenziale, indicando la fonte normativa e il possesso dei requisiti richiesti.

 

Durc on line: chiarimenti

Con la nota del 24 giugno 2020, l’INAIL precisa che la proroga di validità dei DURC riguarda esclusivamente i documenti unici di regolarità contributiva aventi scadenza compresa tra il 31 gennaio 2020 e il 15 aprile 2020, che hanno conservato la propria validità fino al 15 giugno 2020

Alle richieste di verifica della regolarità contributiva pervenute dal 16 aprile 2020, si applicano i criteri generalmente previsti per la validità del DURC.

 

Registro nazionale degli aiuti di Stato

Con circolare n. 26 del 25 giugno 2020, l'INAIL riepiloga la disciplina del Registro nazionale degli aiuti di Stato e sono fornite indicazioni sugli sgravi relativi ai premi assicurativi che costituiscono aiuti di Stato, con obbligo di registrazione da parte dell’Inail nell’esercizio successivo a quello di fruizione.

Il Registro nazionale aiuti di Stato è accessibile da chiunque all’indirizzo https://www.rna.gov.it, nel quale è pubblicata anche tutta la documentazione tecnica (sezione “Supporto documentale) e il quadro normativo.

 

 

AGENZIA DELLE ENTRATE

Obbligo di invito al contraddittorio

L'Agenzia delle entrate con la circolare n. 17 del 22 giugno 2020 precisa che la mancata attivazione del contraddittorio comporta l'invalidità dell'atto impositivo, ma soltanto se il contribuente dimostri che l’osservanza di tale obbligo avrebbe potuto comportare un risultato diverso. Nessun obbligo, invece, quando al contribuente è stata rilasciata copia di un processo verbale di chiusura delle attività e nei casi di notifica di un accertamento parziale. L’esito del contraddittorio con il contribuente costituisce parte della motivazione dell’accertamento e diventa protagonista dell’istituto. 

 

Ecobonus e Sisma Bonus – Applicabilità agli interventi eseguiti da titolari di reddito di impresa su immobili diversi da quelli strumentali

L'Agenzia delle entrate con la risoluzione n. 34 del 25 giugno 2020, superando un suo precedente orientamento e allineandosi al prevalente indirizzo della corte di Cassazione, afferma che per quanto riguarda le detrazioni per interventi di riqualificazione energetica e di messa in sicurezza degli edifici esistenti: l’Agenzia amplia l’ambito applicativo. Ora rientrano nell’agevolazione anche imprese e società di costruzione e locazione, a prescindere dalla qualificazione degli immobili come “strumentali”, “beni merce” o “patrimoniali”.

 

Istituito il codice tributo il bonus vacanze

L’Agenzia delle entrate, con la risoluzione n. 33 25 giugno 2020, per consentire l’utilizzo in compensazione del Bonus vacanze tramite il modello F24 ha istituito il seguente codice tributo:6915.

Il codice tributo è operativo a decorrere dal 1° luglio 2020.

 

Regime fiscale dei Premi di risultato

L’Agenzia delle entrate, con la risoluzione n. 36 del 26 giugno 2020, puntualizza che nel caso in cui il contratto preveda che il raggiungimento dell’obiettivo incrementale è effettivamente incerto alla data della sua sottoscrizione, in quanto l’andamento del parametro adottato è suscettibile di variabilità, l’azienda, sotto la propria responsabilità, può applicare un sistema di tassazione agevolata con imposta sostitutiva del 10% al “premio di risultato” erogato al dipendente qualora al termine del periodo congruo sia conseguito il risultato incrementale. La data di sottoscrizione dell'accordo aziendale o territoriale non rileva ai fini dell’agevolazione che sarà applicata sull’intero importo stabilito nel contratto.

 

Istituzione dei codici tributo per la restituzione spontanea,  del contributo a fondo perduto non spettante

Con la risoluzione n. 37 del 26 giugno 2020 l’Agenzia delle entrate istituisce per la rinuncia spontanea, tramite il modello “F24 Versamenti con elementi identificativi”, dell'eventuale contributo a fondo perduto ricevuto ma non spettante.

 

Bonus Irpef 2020

Con la risoluzione n. 35 del 26 giugno 2020, l’Agenzia delle entrate istituisce i codici tributo che consentiranno ai sostituti d’imposta di compensare, attraverso i modelli F24 e F24Ep, il credito maturato per aver anticipato ai propri sostituiti le somme a titolo di trattamento integrativo previste dall’articolo 1 del Dl n. 3/2020, alle condizioni indicate dallo stesso articolo 1 e dall’articolo 128 del Dl “Rilancio”. L’operazione avrà inizio sulle retribuzioni erogate dal prossimo 1° luglio

Il DL n. 3 del 2020 ha previsto il riconoscimento ai lavoratori dipendenti e assimilati di una somma a titolo di trattamento integrativo, che non concorre alla formazione del reddito, di importo pari a 600 euro per l’anno 2020 e a 1.200 euro a decorrere dall’anno 2021, alle condizioni indicate dallo stesso articolo 1 e dall’articolo 128 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 3.

 

AGENZIA DELLE ENTRATE –  INTERPELLO

Risposta n. 189 del 22 giugno 2020 -  svolgimento dell’attività di impact investing

La Fondazione è un ente commerciale e le somme ricevute per coprire i costi relativi allo svolgimento dell’attività di impact investingda un’altra Fondazione, non avendo natura meramente patrimoniale, hanno rilevanza reddituale. Il riscontro è nella loro rappresentazione contabile: saranno infatti, identificate come “proventi” nel conto economico.

L’irrilevanza reddituale delle somme elargite per l’avvio di una nuova attività dipende esclusivamente dal loro inquadramento contabile e non dal soggetto che le eroga.

 

Risposta n. 190 del 22 giugno 2020 -  cedolare secca in sede di proroga contratto locazione

Può aderire alla cedolare secca per gli anni successivi, il contribuente che, nel 2019, ha affittato un locale commerciale sottoscrivendo un contratto di tipologia S/1 (affitto non a uso abitativo) con decorrenza 1° febbraio 2019-31 gennaio 2025. L’opzione deve essere esercitata presentando il modello Rli 30 giorni prima della scadenza della proroga del contratto.

 

Risposta n. 191 del 23 giugno 2020 -  Bonus facciate -spese sostenute per lavori di restauro dei balconie per opere accessorie

Le modalità applicative della maxi detrazione del 90% sono le stesse fissate, a seconda dei casi, per lo sconto Irpef sugli interventi di recupero edilizio, l’imputazione temporale del costo segue il criterio di cassa, e quindi, in base all’effettivo pagamento del corrispettivo alla ditta che ha eseguito l’opera, indipendentemente dalla data di avvio degli interventi cui i pagamenti si riferiscono.

Per il pagamento dei lavori è possibile utilizzare i bonifici già predisposti dagli istituti bancari e postali per le ristrutturazioni edilizie e il risparmio energetico.

 

Risposta n. 194 del 26 giugno 2020 -  Detrazione delle spese per interventi relativi all'adozione di misure antisismiche

L'attestazione tardiva da parte del professionista abilitato dell'efficacia dei lavori effettuatinon è conforme alle disposizioni normative che disciplinano lo specifico beneficio fiscale, pertanto non si può accedere al sisma bonus.

a norma con la quale sono state stabilite le linee guida per la classificazione di rischio sismico delle costruzioni e le modalità per l'attestazione dell'utilità degli interventi  prevede, infatti, che il progettista deve asseverare la classe di rischio dell'edificio prima dei lavori, evidenziando quella conseguibile dopo la realizzazione del progetto.

 


AGENZIA DELLE ENTRATE CONSULENZA GIURIDICA

Consulenza giuridica n. 7 del 24 giugno 2020  - Piccola proprietà contadina. Rinuncia agevolazioni Ppc in atto

Nel caso in cui l'acquirente rinunci espressamente in atto alle agevolazioni in materia di piccola proprietà contadina, perché consapevole di non poter rispettare le condizioni previste, a pena di decadenza, dalla norma, al trasferimento dei terreni agricoli a favore dei soggetti in possesso dei requisiti si applica l’imposta di registro ordinaria del 9%, prevista per gli atti traslativi a titolo oneroso della proprietà di beni immobili in genere.

 

Consulenza giuridica n. 8 del 24 giugno 2020  - detrazione per le spese sostenute per le prestazioni del massofisioterapista; Regime Iva delle prestazioni

Le prestazioni erogate dal massofisioterapista che si iscrive, entro il 30 giugno 2020 (termine originariamente fissato al 31 dicembre 2019 e poi prorogato dal Dl n. 2/2019), nell’elenco speciale a esaurimento contenuto nel decreto del ministero della Salute del 9 agosto 2019, relativo alla specifica categoria di professionisti, sono da considerarsi di carattere sanitario e, dunque, rientranti tra quelle detraibili.

L’esenzione Iva dipende invece dalla data di conseguimento del diploma che deve essere anteriore al 17 marzo 1999. Fino a quel momento infatti il titolo era equiparato a quello di fisioterapista.

0
0
0
s2smodern