Venerdì, 24 Aprile 2020 15:40

Turismo, 150mila lavoratori a rischio a Roma e provincia

Alla luce delle chiusure imposte per decreto e di quelle determinate dalla mancanza di domanda in questo periodo emergenziale, il crollo del settore turistico a Roma e nei territori della provincia fa sentire i suoi effetti su 150 mila lavoratori. È quanto emerge dal focus della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro Covid-19: l’impatto sui servizi turistici di Roma”. Di questi (ex) occupati, 100 mila sono a casa dai primi giorni di marzo, in quanto addetti al settore della ristorazione; 10 mila sono impiegati presso agenzie di viaggio e tour operator e 30 mila sono addetti alle attività di alloggio e alberghiere.

Una crisi, dunque, che colpisce quasi il 10% delle imprese attive sul territorio e che interessa uno dei settori nevralgici dell’economia capitolina e provinciale, che tra il 2016 e il 2019 è cresciuto dell’8,8%, con un aumento del 24,2% del numero degli esercizi. Inoltre, la forte stagionalità del comparto fa sì che circa 136 mila persone vengano assunte ogni anno. Di conseguenza, nei mesi del lockdown (marzo-maggio) sono saltate 38.400 assunzioni (il 28,1% del totale) e altrettante opportunità lavorative verrebbero disperse se la chiusura si prolungasse anche per i mesi estivi (da giugno ad agosto).

Rassegna web: Sole 24 Ore del 24.04.2020

Notizie correlate: A Roma e provincia 457mila lavoratori a casa per decreto - Lombardia: 1,6 milioni i lavoratori a casa "per decreto" - 7,8 mln di lavoratori a casa con il DPCM 22 marzo 2020 - Fase 2: il lavoro cambierà per oltre 6 mln di lavoratori di prossimità

0
0
0
s2smodern