Venerdì, 17 Aprile 2020 13:53

Autonomi, Calderone: necessario contributo UE a fondo perduto

A un mese dal lockdown nazionale, oltre tre milioni di persone che vivono in una famiglia monoreddito hanno già varcato la soglia della povertà. Commentando sul Corriere della Sera i dati dell’ultimo report della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, la Presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro, Marina Calderone sottolinea i contorni sempre più critici di un’emergenza sanitaria divenuta ormai sociale oltre che economica. Oltre al disagio dei lavoratori dipendenti “costretti a casa”, che riceveranno gli strumenti di sostegno al reddito solo a maggio a causa di procedure burocratiche complesse e differenziate tra loro, ci sono artigiani, commercianti e imprenditori per i quali i sussidi economici previsti finora non bastano a far fronte ai costi aziendali fissi delle loro attività. Senza considerare – sottolinea la Presidente – le scadenze fiscali di giugno e i debiti accumulati in questi mesi da saldare. “Per risolvere i problemi degli imprenditori, bisognerebbe dotarli di un contributo a fondo perduto, che può arrivare solo dal contesto comunitario”, suggerisce la Presidente. Altrimenti il fronte dei nuovi poveri sarà destinato a ingrossarsi.

Rassegna web: corriere.it - ilriformista.it

Rassegna video: Tgcom24 del 17.4 - TG2 ore 13 del 17.4 

Notizie correlate: COVID-19: bilanci familiari a rischio per 3,7 milioni di lavoratori - Semplificare iter per proroga ammortizzatori - Cassa integrazione, pagamenti a maggio - Covid-19: fermi 8 mln 434 mila lavoratori, sospese il 65,9% delle imprese

0
0
0
s2smodern