Mercoledì, 15 Aprile 2020 16:51

Cig, Calderone: istanze presentate in tempi record dai CdL

Secondo quanto annunciato dal Governo oggi, 15 aprile, sarà pagata la cassa integrazione ai lavoratori dipendenti sospesi dalle attività a causa del Covid-19. Eppure la realtà è ben diversa come ha fatto notare la Presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro, Marina Calderone, a lastampa.it: “la cassa integrazione ai lavoratori dipendenti sarà pagata i primi di maggio, come avevamo previsto qualche settimana fa. Le circa 300mila istanze giunte all’Inps da circa 4,5 milioni di lavoratori sono state presentate a tempo ‘record’ quasi tutte da Consulenti del Lavoro, che operando anche in orari notturni e nei giorni festivi, hanno creato le condizioni per realizzare questi numeri”. Anche i pagamenti della Cig in deroga per circa 2 milioni di lavoratori non rispetteranno le tempistiche annunciate, ma arriveranno “almeno tra un paio di settimane” considerate le diverse procedure regionali per l’erogazione. Gli unici lavoratori che incasseranno denaro questo mese – precisa la Presidente – solo quelli dipendenti di “aziende che hanno avuto liquidità per anticipare loro gli stipendi”. Risultati migliori, forse, si raggiungeranno con l’anticipazione dei trattamenti salariali da parte delle banche, a seguito della convenzione siglata lo scorso 30 marzo, che consente ai lavoratori di chiedere in prestito e sotto forma di anticipo i soldi della cassa integrazione, per un massimo di 1400 euro.

Notizie correlate: Cassa integrazione, pagamenti a maggio - Cig in deroga, metà delle Regioni ancora ferme. Liquidazioni a rischio - Perché la Cig non sarà pagata entro il 15 aprile

0
0
0
s2smodern