Martedì, 14 Luglio 2020 16:26

Taglio cuneo fiscale, gli esempi della Fondazione Studi CdL

Dalla mensilità di luglio le buste paga dei lavoratori dipendenti con redditi fino a 40.000 euro saranno interessate dal taglio al cuneo fiscale, introdotto con il D.L. n. 3/2020 e convertito con modificazioni dalla L. n. 21/2020. Lavoratori subordinati e assimilati con reddito complessivo non superiore a 28.000 euro riceveranno in busta paga una somma di importo pari a 600 euro per l'anno 2020 e a 1.200 euro dal 2021; mentre per lavoratori con redditi di lavoro dipendente e assimilati a partire da 28.000 euro e fino a 40.000 euro, è prevista un'ulteriore detrazione dall'imposta lorda e di importo decrescente: per l’anno 2020 si parte da 600 euro per un reddito complessivo superiore ai 28.000 euro fino ad azzerarsi al raggiungimento di un livello di reddito pari a 40.000 euro. Non tutte le casistiche contemplate però avranno benefici a livello economico, così come hanno fatto notare gli esperti della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro con la circolare n. 18/2020 e con utili esempi riportati sul Corriere.it che esaminano tre diversi casi: lavoratori con contratto di lavoro full time ed imponibile fiscale anno 2020 di 28 mila euro; con reddito di 35 mila euro e, infine, pari a 38.000 euro.

Rassegna web: money.it - traderlink.it - trend-online.com

Notizie correlate: Calendario fiscale 2020: tra proroghe e nuove scadenze - Modello 730: ampliamento della platea “senza sostituto” - Il taglio del cuneo fiscale è legge

0
0
0
s2smodern